Borini : “Roma, sono pronto, dimostrerò quanto valgo”


Borini
è giovane, solo 20 anni, ma ha le idee chiare e avverte la Roma: “Voglio dimostrare il mio valore”.
Da quando è arrivato a Trigoria è come se per lui si fossero aperte lo porte di un mondo incantato, magico, è come vivere in un sogno. La possibilità di giocare con Totti e De Rossi, che aveva visto solo per televisione, è per Lui un punto di arrivo, ma anche l’inizio di una nuova esperienza, in una grande squadra che, col tempo, gli potrebbe consentire di vincere qualcosa di importante.

“La partita con l’Inter”, dice Borini, arrivato a Roma  in prestito dal Parma, “è una partita importante che ci potrebbe dare l’occasione di ritrovare gioco e risultato, una partita che vedevo fino a poco tempo fa in TV e che tra due giorni potrei vivere anche dal campo. Il mister, per quello che mi è sembrato di capire, non ha dei titolari fissi, ma fa giocare sempre chi ritiene nelle migliori condizioni, anche in base alle caratteristiche dell’avversario.”

Su Totti e De Rossi, poi, Borini è molto esplicito. “Mi ha impressionato Totti, ovviamente, ma anche De Rossi e Burdisso, che considero i giocatori più rappresentativi della Roma. Quando sono arrivato a Trigoria, non mi sembrava vero di potermi allenare a fianco del capitano, mi sentivo nel posto sbagliato, ma sono stati bravi e mi hanno messo subito a mio agio”.

Il progetto della Roma lo ha decisamente colpito. “Il progetto mi ha impressionato. Nuove idee e nuovi giocatori, e un allenatore, Luis Enrique, giovane e dalle indubbie qualità, che riuscirà in breve tempo a tirar fuori il meglio da tutti noi. Certo, ci vorrà del tempo. Quando ci sono tanti cambiamenti bisogna avere pazienza e saper aspettare i risultati che prima o poi verranno, grazie al lavoro e all’applicazione”.
Borini, è certamente giovane, ma altrettanto saggio.

WebWriter