Caso Ruby / Sara Tommasi Shock : “Mi hanno tolto la voglia di vivere”

In una recente intervista la showgirl Sara Tommasi, coinvolta nell’ormai noto “Caso Ruby”, aveva smentito di essere una escort e aveva confessato di temere per la sua vita al punto tale da dover ricorrere a dei bodyguard.

A quelle dichiarazioni ne sono seguite altre, ma questa volta le parole della giovane sono davvero preoccupanti. L’attrice infatti, intervistata dal settimanale “Diva e Donna” dichiara di aver rivelato tutto per la paura di essere uccisa, ma non nega che con tutto ciò che sta accadendo, preferirebbe essere davvero morta:” Se mi chiedono ‘preferisci continuare a vivere così o morire?’, io scelgo la morte. Se mi sparano sono contenta, perché almeno finisce questa storia: mi sento proprietà dello Stato e mi hanno tolto la voglia di vivere. Se mi capita qualcosa diranno: ‘Lei l’aveva detto’. Sono esausta, aiutatemi”.

La mora prosegue l’intervista affermando nuovamente di essere vittima di strani episodi, come bevande con sostanze che la fanno diventare malata di sesso, microchip impiantati per controllarla ed infine estranei che entrano ed escono da casa sua:” Entrano persone, spariscono cose e forse mi mettono anche dei gas. Sento un odore pesante, mi addormento e dormo tantissimo … C’è un sistema per uniformare una volontà comune, per mantenere lo stato delle cose in Italia. Potrebbero esserci dietro anche riti satanici”.

Al termine dell’intervista Sara parla anche del premier Silvio Berlusconi e, sottolinea di non aver mai ricevuto soldi da lui:” Purtroppo no”.

Le dichiarazioni shock della giovane faranno sicuramente molto discutere, ma secondo voi viene davvero manipolata in questo modo? Sara è davvero vittima dei servizi segreti?

WebWriter