Claudio Ranieri, l’aggiustatore

Claudio Ranieri, l'aggiustatore, proverà a mettere le cose a posto in casa Inter.
Claudio Ranieri
, l’aggiustatore, l’uomo giusto per rimettere a posto le cose all’Inter.
Ma, se proprio vogliamo dirla tutta, di vere e  gravi colpe il buon Gasperini non ne ha. Era arrivato alla corte di Moratti convinto che quello, come spesso diceva, fosse per Lui un punto di arrivo. Ma man  mano che passavano i giorni, durante il periodo del calciomercato, probabilmente aveva cominciato a rendersi conto che l’Inter sarebbe stato solo un crocevia, una breve tappa della sua carriera di allenatore, e nulla più.

E, alla fine, la sua sensazione si è dimostrata giusta. La sua unica colpa è stata quella di non adeguarsi agli uomini che aveva  a disposizione, visto e considerato che quelli che gli servivano per mettere in campo la squadra  che era nei suoi pensieri, non glieli avevano dati. Piccola grande colpa che gli è costato l’esonero.
Infatti, nel mondo del calcio, se le cose non vanno per il verso giusto, mica si possono esonerare i giocatori e ancor meno la dirigenza che è, nella maggior parte delle situazioni, il maggior responsabile dei risultati deludenti della squadra.

Ma questo, ormai, è il passato. Il futuro si chiama Ranieri e Lui, l’aggiustatore, proverà a mettere le cose a posto.
Diciamo che la prima partita che dovrà affrontare non è di quelle proibitive, anche se il Bologna è andato a pareggiare per 1-1 a Torino con la Juve,  ma un risultato positivo sarà importante, perché darà il segnale del cambiamento alla squadra e a tutto l’ambiente, e questo consentirà inoltre all’Inter di affrontare con maggior fiducia la trasferta russa che l’attende dopo solo 4 giorni. E poi  al San Paolo, contro il Napoli, che sarà reduce anch’egli dalla partita interna di Champions con il Villareal.

Un inizio di tutto riposo, per Ranieri, non c’è che dire. Ma il buon Claudio è uomo di esperienza e di carisma, e saprà trovare le giuste soluzioni.

WebWriter