Cristiana Capotondi: “Una donna è completa anche se non diventa mamma”

Cristiana Capotondi ha ribadito il suo concetto e il suo pensiero sulle donne durante un’intervista rilasciata al settimanale F. La compagna storica di Andrea Pezzi ha spiegato i motivi per i quali dopo 11 anni di storia non si è sposata e non è ancora diventata mamma: “Per un motivo semplice: se domani mattina uno dei due volesse andare via di casa, vorrei che non ci fossero vincoli giuridici ad impedircelo. Poi sto bene con il mio compagno, ci piace la vita che facciamo e non la cambierei. Tanti anni li abbiamo dedicati ai viaggi, a ritagliarci i nostri spazi. Detto questo, se un giorno ci venisse voglia di fare i genitori, un figlio potremmo farlo, non abbiamo preclusioni in merito. Mi piacciono i bambini e credo che potrebbe essere divertente vedere Andrea papà. Ma c’è una cosa che rivendico: una donna è completa, nella sua femminilità, anche se non diventa mamma”.

Cristiana Capotondi – Foto: Instagram

La coppia vip non ama partecipare alle feste vip e agli eventi mondani. “Ci piace stare con i nsotri amici – ha dichiarato l’attrice a F – Ne abbiamo un paio del cuore, single, che abbiamo praticamente adottato: nel casolare che abbiamo in Toscana entrambi hanno la loro stanza. Mi piace avere la casa piena di gente: anche se torno la mattina all’alba dal set, sono capace di invitare quindici persone a pranzo”. In fin dei conti Cristiana Capotondi e Andrea Pezzi si sentono già sposati!

Cristiana Capotondi ha ricordato quel periodo in cui lei e il suo fidanzato avevano vissuto una fase di astinenza sessuale: “Ero in quella fase che da ragazza diventi donna e cerchi di capire come sei fatta. Ero molto gelosa, insicura. Ovviamente l’idea di togliere il sess0 dal nostro rapporto è venuta ad Andrea, non glielo avrei mai imposto, con il rischio che si cercasse svago altrove. Ma avevo bisogno di ricevere certezze, sapere di piacergli anche usando vie diverse, non quelle facili dell’erotismo e della bellezza. Ha funzionato perché da allora non sono stata più gelosa, una forma di liberazione assoluta”.