Gambirasio: L’assassino di Yara è mancino

Sembra non aver dubbi l’anatomopatologa forense Cristina Cattaneo,che ha avuto il difficile compito di effettuare l’esame autoptico sul corpo della piccola Yara Gambirasio. Durante la puntata di ieri di Quarto Grado, programma di approfondimento condotto da Salvo Sottile con l’aiuto di Sabrina Scampini, sono stati rivelati particolari inediti su come è avvenuto l’omicidio della piccola Yara. L’assassino avrebbe colpito la giovane con la mano sinistra, dettaglio non trascurabile che potrebbe far pensare che l’uomo è mancino.

L’esito dell’autopsia mostra dettagli davvero importanti che potrebbero finalmente chiudere il cerchio intorno al famoso DNA, dove a questo punto verrebbero presi in considerazione solo i soggetti mancini. Non è da escludere niente però, perché anche se l’assassino ha colpito con la mano sinistra non significa che sia necessariamente mancino. Il caso rimane ancora pieno di mistero e di dubbi che non trovano risposta.

Intanto il tempo scorre e le indagini degli inquirenti continuano, con la speranza di poter finalmente scoprire il vero volto dell’assassino. Troverà soluzione il caso? Yara avrà la meritata giustizia o resterà senza colpevole come è successo a Meredith Kercher? L’importante è non sbagliare perché in gioco c’è molto di più di una condanna per omicidio, c’è la vita spezzata di una ragazzina che sognava semplicemente di fare la ginnasta.

WebWriter