Giancarlo Magalli a processo per diffamazione aggravata dopo la lite con Adriana Volpe

Giancarlo Magalli rischia di finire a processo per diffamazione aggravata dopo la lite e il durissimo scontro social con Adriana Volpe. Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma avrebbe respinto la richiesta di archiviazione del pubblico ministero, accogliendo l’opposizione presentata dalla conduttrice tv e showgirl tramite i suoi legali.

Dopo la vivace e chiacchierata querelle mediatico-social tra Adriana Volpe e Giancarlo Magalli e la cocente esclusione della showgirl dal cast della nuova edizione del programma tv di Raidue I Fatti Vostri, la giustizia sta facendo il suo corso.

Ma la guerra social tra i due ex colleghi non si ferma… Il conduttore ha voluto fare chiarezza sui social: “Dato che qualcuno si è precipitato ad inondare con comunicati – ha scritto Magalli – dai quali sembra che io sia sotto processo e quasi in galera per avere ironizzato sui motivi per i quali una certa persona lavora, a seguito di querela proposta da quella persona, il Pubblico Ministero, cioè colui che dovrebbe sostenere l’accusa, ha chiesto l’archiviazione per inconsistenza dei fatti. Quella persona e i suoi avvocati – ha aggiunto il presentatore – hanno fatto opposizione all’archiviazione ed il Giudice per le Indagini preliminari ha negato l’archiviazione, rimettendo la decisione su un eventuale giudizio al Giudice per le Udienze Preliminari. Quindi non è affatto certo che ci sarà un processo e, se dovesse esserci, non si sa come potrebbe finire, dato che la pubblica accusa non lo voleva nemmeno fare. Questo tanto per dire le cose come stanno. Che pazienza che ce vo’!”.

Immediata la replica di Adriana Volpe: “Ecco l’ennesimo tentativo di negare la realtà di fronte all’evidenza – ha scritto in un post social -. Le opinioni personali non contano, contano gli atti processuali e quelli dicono che Magalli andrà a processo. Nessuna udienza preliminare. Quella a mezzo Facebook è una diffamazione per cui è prevista la citazione diretta a giudizio. Il tempo è galantuomo”.

Redazione-iGossip