Gina Lollobrigida vende i gioielli di Bulgari per finanziare la ricerca sulle staminali

602-408-20130326_122708_51F8D4B2

La signora del cinema italiano e internazionale, Gina Lollobrigida nonostante la sua età colpisce ancora dopo che, con grande clamore, ha deciso di mettere all’asta 23 gioielli di Bulgari per destinare il ricavato alla ricerca sulle cellule staminali. La diva ha deciso di separarsi da questi tesori, accumulati negli anni, per compiere un geston nobile.  I gioielli saranno messi all’asta dalla casa d’aste Sotheby il 14 maggio a Ginevra. Prima questi 23 tesori di Bulgari compiranno un tour che passerà per Hong Kong, Londra, New York e Roma. Tra i preziosi che saranno messi in vendita ci sono anche un diamante da diciannove carati, uno smeraldo da sedici e un paio di orecchini in diamanti e perle con un valore stimato pari ad un milione di dollari.

La Lollobrigida ha commentato la decisione di mettere all’asta i gioielli con un comunicato “Io sono stata così fortunata da vivere più ruoli nella mia vita: attrice, madre, fotografa, giornalista, ambasciatrice per la FAO, artista. Ho iniziato a collezionare gioielli di Bulgati negli anni Cinquanta e Sessanta, attirata dall’incredibile maestria e dallo stile che distinguono queste opere. Mi hanno accompagnato in molti viaggi, professionali e personali, ed evocano in me i tempi e le persone straordinarie che ho incontrato lungo la mia strada. Ma in questo momento io sto concentrando il mio tempo sulla carriera da scultrice. Dopo più di sessantacinque anni ho concluso il cerchio, tornando alla prima arte imparata all’Accademia a Roma.”

“Uno scultore non ha bisogno di gioielli, e così ho deciso di condividerli con altri collezionisti. Nel farlo, ho anche la possibilità di aiutare una causa che mi sta molto a cuore: quella ricerca sulle cellule staminali e sui relativi trattamenti, che io credo dovrebbero essere disponibili per ogni bambino. E’ mio desiderio che parte del ricavato di questa vendita contribuisca a finanziare un ospedale internazionale per la ricerca sulle cellule staminali.”