Il Milan si aggiudica la Supercoppa superando l’Inter per 2-1

Lo splendido stadio olimpico di Pechino dove si è disputata la Supercoppa 2011
Il Milan si aggiudica la Supercoppa superando l’Inter per 2-1 in una partita dai due volti che ha visto i nerazzurri prevalere nel primo tempo e i rossoneri nel secondo.
Alla fine ha vinto chi è stato più lucido, chi aveva, probabilmente, più voglia e chi alla fine ha interpretato meglio la partita.

Un Inter sicuro di se nel primo tempo, che andava in vantaggio con una punizione di Sneijder al 22’ e che dava l’impressione di poter controllare tranquillamente l’incontro.
Ma, mai modo di dire fu più appropriato, il diavolo ci ha messo la coda, anzi, 2 reti con le quali ha saputo ribaltare a suo favore il risultato, lasciano gli interisti, Gasperini compreso ovviamente, con l’amaro in bocca per aver gettato alle ortiche quello che sembrava essere un trofeo alla loro portata.

Nonostante il caldo e la preparazione atletica ancora, se non proprio approssimativa, ma almeno lungi dall’essere a livelli accettabili, i nerazzurri hanno dato vita ad un primo tempo di ottima fattura, riuscendo a mettere in difficoltà il Milan. Gasperini, inoltre, era riuscito anche a recuperare Stankovic  in extremis, e si sa l’importanza che ha questo giocatore nello scacchiere nerazzurro. Come detto, Sneijder riusciva a portare in vantaggio la sua squadra con una punizione calciata splendidamente, che vedeva il pallone andarsi ad insaccare a fil di palo nel sette, senza che l’incolpevole Abbiati potesse fare nulla, se non sfiorare il pallone con la punta delle dita.

I giochi sembravano quasi fatti, ma il Milan che scendeva in campo nel secondo tempo era tutto un altro Milan. La squadra di Allegri prima con Ibra e poi con Boateng, lesto a ribattere in rete una respinta da Julio Cesar su diagonale di Pato, riusciva a ribaltare, con merito il risultato. Solo nel finale  l’Inter si faceva nuovamente pericolosa, approfittando dell’arretramento della squadra di Allegri e, a pochi minuti dal termine riusciva anche a segnare con Eto’o, ma la rete veniva annullata perché il camerunense era abbondantemente in fuori gioco.
Ancora una volta Pechino amara per l’Inter che torna a casa a mani vuote.

WebWriter