Individuati i due alpinisti intrappolati sul Monte Bianco

Un elicottero del soccorso alpino impegnato nelle ricerche
Sono stati individuati i due  alpinisti rimasti bloccati sul Monte Bianco, ma l’elicottero che è riuscito a scorgere tra le rocce il giaccone rosso di uno dei due, riferisce che i due corpi sono immobili.
Non è dato di sapere se si è giunti troppo tardi e che quindi i due sono deceduti oppure, ed è quanto sperano i soccorritori, che siano semplicemente sfiniti dai tanti giorni di esposizione alle intemperie.
L’elicottero che è riuscito ad individuare i due alpinisti francesi, è un mezzo del soccorso alpino francese a bordo del quale sono presenti il pilota e due guide alpine. La notizia dell’avvistamento è stata subito trasmessa al soccorso alpino italiano, competente per l’intervento,  che sembra essere  ormai possibile, vista l’attenuazione delle avverse condizioni meteo.

Dal momento che fino ad oggi non erano stati ancora individuati, per colpa della nebbia, era stato richiesto anche l’intervento di uno speciale elicottero proveniente da Lione, equipaggiato con un sistema di rilevamento termico, che avrebbe in ogni caso consentito di individuare i due alpinisti bloccati , anche nel caso fossero stati ricoperti da una coltre di neve.
Ora sarà possibile cercare di organizzare il recupero, con la speranza che Olivier Sourzac e Charlotte De Metz, la guida alpina e la sua cliente, siano ancora in vita, seppur stremati dalla fatica e dagli stenti.

Dopo ormai 6 giorni trascorsi ad una quota di oltre 4000 metri, in condizioni meteo decisamente sfavorevoli, per non dire terribili, le speranze di trovare i due ancora in vita, sono praticamente ridotte al lumicino. Se, in questi giorni, sono riusciti in qualche modo a ripararsi dalle temperature gelide, scavando una buca nella neve, come si era detto in un primo momento, qualche probabilità di trovarli ancora in vita, seppur privi di sensi, esiste ancora. Oggi, comunque, sarà possibile mettere la parola fine a questa vicenda.

WebWriter