Kiran Maccali del Grande Fratello condannato per stalking e violenza sessuale alla sua ex fidanzata

Kiran Maccali del Grande Fratello è stato condannato in primo grado a 2 anni e 2 mesi per stalking e violenza sessuale ai danni della sua ex fidanzata. La condanna è stata inflitta dalla corte presieduta da Maria Chiara Minazzato al “principe” del GF2012 residente a Romano di Lombardia (Bergamo), tornato a piede libero. Il pm Antonio Bassolino aveva chiesto una condanna ben più pesante: sei anni e sei mesi di carcere, ma i giudici, dopo essersi ritirati in camera di consiglio per circa tre ore, hanno riconosciuto l’attenuante della “minore gravità” relativa alla violenza sessuale. La notizia è stata diffusa da Brescia Oggi.

Kiran Maccali – Foto: iGossip.it

L’ex concorrente italo-indiano della dodicesima edizione del reality show più longevo e famoso della televisione italiana, il Grande Fratello, ha scelto il dibattimento e ha presenziato alle udienze, come ha sottolineato il suo avvocato difensore Daniele Umberto Tropea del Foro di Brescia. “Non è soddisfatto del risultato – ha spiegato il legale dell’ex gieffino – e secondo me c’erano margini di assoluzione per entrambi in capi d’ imputazione. Siamo fiduciosi nell’appello”.

Kiran Maccali – Foto: iGossip.it

In un’intervista esclusiva rilasciata all’inizio dell’anno al nostro sito iGossip.it, Kiran Maccali aveva parlato della sua ultima esperienza in carcere in questi termini: “Ho avuto modo di crescere perché in carcere non è come stare all’oratorio, ma devi solo combattere per non perdere la dignità. In cella ho studiato marketing e comunicazione digitale”. Per poi aggiungere: “Purtroppo la mia fama, spesso e volentieri, rappresenta un ostacolo … ci sono molti pregiudizi sul fatto che in passato, dopo aver sbagliato, sia finito in carcere”.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’INTERVISTA INTEGRALE A KIRAN MACCALI DOPO IL CARCERE

Redazione-iGossip