Marco Bocci “Le fans vogliono un figlio da me”

marco-bocci-500x383

Marco Bocci è senza dubbio uno degli attori più amati del momento, grazie soprattutto al ruolo dell’ispettore Domenico Calcaterra, in Squadra Antimafia, dove l’attore è stato consacrato a sex simbol. In un’intervista al mensile Max il bell’attore si è raccontato partendo dal suo rapporto con le fans, molto spesso parecchio focose “A parte le stalker e le richieste di matrimonio, ho anche fan che mi implorano di fare un figlio con loro, senza oneri per me se non il concepimento…” ha rivelato Marco Bocci “Ma in generale l’affetto del pubblico è un regalo splendido, nonostante le invasioni nel privato”

A dispetto del suo grande successo con le donne Marco Bocci però preferisce i rapporti monogami “Una basta.” ha detto Bocci “Non capisco chi accumula dieci ragazze. Le mie storie sono complicate. Io non sono facile da interpretare. Per esempio non ho voglia di raccontare chi sono… che lo scoprano!… Non ho mai fatto l’impossibile per amore… Per nessuna donna. Non mi sembrava necessario” ha poi spiegato Bocci. Di certo il bell’attore non deve essere un uomo molto facile da trattare soprattutto per via del suo carattere difficile “Sono un tipo schizofrenico, un solitario” ha detto “faccio resistenza alle regole e alle convenzioni ma adoro ridere di me, per questo mi piacciono i ruoli comici!”

Marco Bocci è anche un tipo che cambia idea continuamente “… Sono un precario, figlio di un’epoca precaria: nei desideri, nelle ambizioni, nelle relazioni. A volte è persino imbarazzante: ci sono giorni che vorrei smettere di recitare per scrivere, altri di scrivere per suonare…” ha rivelato l’attore, riguardo al suo alter ego televisivo Domenico Calcaterra invece “Uno che pensa di essere un eroe, si muove come un eroe, fa 14 sparatorie a puntata e non ha mai arrestato nessuno. Bell’eroe. Ma questa è la forza della nostra serie: un mix magico tra cazzata e realtà. Se ti concentrassi, tu come spettatore non ci crederesti. Funziona solo se la prendi come un fumetto”

Di Valentina Vanzini