Maurizio Costanzo attacca di nuovo il Grande Fratello 15 di Barbara D’Urso

Maurizio Costanzo ha attaccato di nuovo il Grande Fratello 15 di Barbara D’Urso nella sua rubrica presente sul settimanale di gossip Nuovo. Nel mirino del celebre e potente giornalista e conduttore televisivo di Mediaset è finito la guest star della quindicesima edizione del reality show di Canale 5: Rodrigo Alves, in arte il Ken umano.

Maurizio Costanzo con Barbara D’Urso – Foto: Instagram

Il nuovo attacco di Costanzo alla D’Urso

Il famoso conduttore del Maurizio Costanzo Show e de L’Intervista si è scagliato contro la presentatrice tv Barbara D’Urso e gli autori del Grande Fratello 15 poiché non dovevano far entrare il Ken umano nella Casa più spiata d’Italia. Il marito della star tv Maria De Filippi ha ricevuto diverse lettere indignate da parte di numerosi telespettatori.

“Quasi sempre sono gli ascolti a decidere in televisione – ha scritto Costanzo – E quelli del Grande Fratello dicono che questa edizione piace. L’entrata del Ken Umano Rodrigo Alves si poteva evitare: è stata provocatoria ma ha fatto audience. Non sempre l’ascolto giustifica le scelte”.

Il GF15? La finestra sulla discarica

In precedenza Costanzo era stato molto più duro nei confronti del GF15. Dopo i numerosi e vergognosi atti di bullismo e violenza psicologica ai danni di Aida Nizar e la pesantissiva e gravissima denuncia fatta da Alberto Mezzetti ad Aida Nizar, Maurizio aveva invitato il pubblico a non guardare il reality show di Barbara D’Urso. In un articolo scritto su Libero Quotidiano, il giornalista aveva attaccato duramente il Grande Fratello: “Il grande regista Alfred Hitchcock nel 1954, firmò un film dal titolo La finestra sul cortile. Fu un grande successo. Come lo è adesso il Grande Fratello, che si potrebbe chiamare «La finestra sulla discarica». Non aggiungo altro e chi ha visto o ha letto del programma, sa di cosa parlo”. Quest’anno per la prima volta nella storia della televisione italiana, dieci brand e sponsor del GF15 hanno interrotto la collaborazione in seguito ai gravi casi di bullismo, violenza psicologica e fisica registrati nella Casa più chiacchierata e discussa d’Italia.