Penelope Cruz e Sergio Castellitto, quando un film invecchia

Penelope-Cruz-e-Sergio-Castellitto-di-nuovo-insieme-per-Venuto-al-mondo

Dopo il successo di “Non ti muovere”, Sergio Castellitto ritorna con Penelope Cruz per interpretare “Venuto al mondo”, capolavoro di prosa uscito dalla geniale mente di Margaret Mazzantini. Già nel primo film, tratto sempre da un libro della scrittrice, il regista italiano aveva imbruttito così tanto l’attrice spagnola da renderla davvero irriconoscibile. In questa nuova pellicola, invece, la bella Penelope sarà molto invecchiata. Capelli scuri con venature bianche, borse sotto gli occhi e rughe d’espressione sono un’imposizione del copione del film girato a Sarajevo. La bellissima Cruz sarà Gemma, una madre che dopo molti anni ritorna nella città natale insieme al figlio, ormai di 16 anni.

Proprio a Sarajevo, dove si gira “Venuto al mondo” di Sergio Castellitto, Penelope Cruz-Gemma, molto invecchiata, incontra un suo vecchio amico, proprio quello che nel 1984 le aveva fatto conoscere Diego, l’uomo della sua vita, che lei ha amato più di se stessa per tutta la vita. La storia d’amore tra Diego e Gemma è una storia commovente e struggente che è il fulcro della trama di tutta la pellicola. Tratto dal romanzo della Mazzantini, vincitore del Premio Campiello 2009, la moglie di Castellitto ha cercato di raccontare una storia davvero suggestiva e commovente sullo sfondo di una città distrutta dalle guerre.

Flashback temporali sono il light motif del nuovo film, in cui Sergio Castellitto trasforma Penelope Cruz in una madre invecchiata, che ritorna con suo figlio nella sua città, Sarajevo, e ricorda tutte le vicende che hanno caratterizzato la sua suggestiva ed emozionante storia d’amore. Diego e Gemma vivono in loro amore nelle vicende della Bosnia post-bellica e vicende temporali a ritroso permettono di raccontare, attraverso un amico, storie di vita pericolose. Un amore nato durante la guerra che porterà alla nascita di un figlio, unico ricordo di quella storia d’amore che ti cambia davvero la vita. Magistrale Penelope diretta da un magnifico Castellitto che sempre più si ispira alle meravigliose e commoventi storie di sua moglie, Margaret Mazzantini. Possiamo affermare che la bella Penelope Cruz, anche “invecchiando”, mantiene sempre il proprio fascino e la propria bellezza.

WebWriter