Sneijder, felice di essere rimasto all’Inter


Wesley Sneijder
si dice felice di essere rimasto all’Inter, anche se adi un certo punto del calciomercato era talmente vicino allo United che il trasferimento sembrava essere solo questione di ore. Invece poi non se ne è fatto più nulla.
“All’Inter mi trovo bene”, dice l’olandese, “e del resto Moratti non mi ha mai voltato le spalle. La situazione era ben diversa quando lasciai il Real, dove non mi volevano più. Invece qui praticamente sono a casa, sono in un club che se proprio non è il più importante del Mondo, poco ci manca. Al limite è il secondo in ordine d’importanza”.

La sua permanenza alla corte di Moratti è assicurata almeno per quest’anno, poi per il futuro si vedrà quando sarà il momento. Come tutti dicono, del resto, nel calcio non si può essere sicuri di nulla. “Sarebbe da matti parlare male dello United”, continua Sneijder, “così come sarebbe folle non prendere in considerazione una opzione del genere. Ma per ora sto bene all’Inter, e devo ringraziare il presidente Moratti che non mi ha lasciato andare”.

Se quindi è tutto tranquillo sul fronte dell’olandese, non si può dire altrettanto sull’umore di Moratti, ancora alquanto imbufalito per il grossolano errore commesso dalla dirigenza nerazzurra nella gestione del caso Forlan. Chi, invece, cerca di buttare acqua sul fuoco è Marco Tronchetti Provera che è dell’opinione che, in fondo, chi lavora può anche commettere degli errori. L’importante è che a questi errori si possa porre rimedio, come infatti sarà possibile fare nel mercato di riparazione di gennaio. Del resto, poi, Forlan dal nuovo anno si renderà disponibile anche per la Champions, quindi poco male.

E intanto  già cominciano a circolare delle voci sul possibile arrivo di Tevez a gennaio. Tutto dipenderà, molto probabilmente, da come la squadra di Moratti sarà massa sia in campionato che in Champions per quella data. Se necessario, non si può mai sapere.

WebWriter