Vladimir Luxuria non sarà la madrina di Tobia, figlio di Nichi Vendola ed Eddy Testa

Vladimir Luxuria non sarà la madrina di battesimo di Tobia Antonio, figlio dell’ex Governatore della Regione Puglia Nichi Vendola e del suo compagno Eddy Testa. L’ex opinionista del Grande Fratello Vladimir Luxuria ha smentito categoricamente lo scoop diffuso dal quotidiano Libero in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera. L’ex deputata di Rifondazione comunista ha asserito: “È una notizia priva di fondamento, come dite voi. Nichi non me l’ha mai chiesto. Immagino che sarà la sorella a fare da madrina. Mi dispiace che si sia diffusa questa voce, evidentemente c’è chi vuole usare ogni mezzo per infangare questa storia. Intendiamoci: naturalmente non ci sarebbe nulla di male. E se me l’avesse chiesto avrei detto di sì”.

Vladimir Luxuria - Foto: Facebook
Vladimir Luxuria – Foto: Facebook

Il piccolo Tobia Antonio è nato in una clinica californiana mediante gestazione per altri. Il padre biologico del bambino è Eddy Testa. Il leader di Sinistra ecologia libertà è stato duramente criticato, insultato e anche bestemmiato da politici e da tantissimi internauti sul web. Attacchi volgari e squadristi che sono stati respinti con stile e classe dall’ex presidente della Regione Puglia. La vincitrice dell’Isola dei famosi 6 Vladimir Luxuria ha rivelato al Corsera che Nichi Vendola potrebbe lasciare la politica e andare a vivere in Canada.

“E’ una mia supposizione – ha detto l’attivista foggiana per i diritti gay – Ma credo che abbia voglia di tranquillità. E cosa meglio di una nazione così selvaggia come il Canada, dove per la prima volta un primo ministro, Trudeau, parteciperà al gay pride? In Canada, Nichi potrebbe anche sposarsi”. Per poi sottolineare: “Appena potrà, Nichi spiegherà tutto quello che è successo e ridimensionerà tutte quelle persone che hanno scritto falsità sui compensi e sulle motivazioni”.

La conduttrice radiofonica ed ex parlamentare di Rifondazione comunista ha poi espresso il suo grande sogno: adottare un bambino. “Ero stata per l’Unicef in Mozambico e avevo conosciuto un bimbo orfano di tutto e di tutti – ha detto l’opinionista tv e attivista lgbt -, che viveva in una capanna di paglia e di fango. Rischiava di morire di malaria. Avendolo conosciuto, ho avuto desiderio di adottarlo. Ma l’adozione per single non è consentita e quindi non è stato possibile. Finora per i gay l’unica possibilità era la gestazione per altri. Che io, peraltro, consentirei anche in Italia: avremmo sorelle che darebbero la possibilità a donne con l’utero asportato per tumore di avere figli. O sorelle o amiche di gay che potrebbero offrire questa possibilità. Anche i costi sarebbero abbattuti e non ci sarebbe neanche più questa obiezione”. Alle prossime news e indiscrezioni su Luxuria!

Redazione-iGossip