Wanda Nara sul marito Mauro Icardi: “Tutti credono che io stia con lui per i suoi soldi, ma io ero già ricca e famosa”

Wanda Nara è tornata a parlare degli inizi della sua storia d’amore con il secondo marito Mauro Icardi durante un’intervista concessa a Grazia. La showgirl del programma sportivo di Canale 5, Tiki Taka, ha spiegato: “Tutti credono che io stia con Mauro per i suoi soldi, ma io ero già ricca e famosa quando ci siamo conosciuti. E lo ero perché ho lottato per diventarlo. Ricordo la mia adolescenza a Buenos Aires, i casting, i no ricevuti, il su e giù con la metro, i primi successi e la mia determinazione“.

Wanda Nara e Mauro Icardi – Foto: Instagram

La moglie del calciatore argentino Mauro Icardi ha ricordato i giorni in cui si innamorò dell’ex attaccante dell’Inter: “Avevamo un appuntamento, mi presento a casa sua, ma lui non c’era. Aveva lasciato le chiavi al portinaio dicendomi di entrare ad aspettarlo. Ma dopo due ore l’attesa non finiva. Lui, ancora oggi, dice di essersi innamorato di me quel giorno, quando salendo in ascensore e arrivando alla porta di casa, ha sentito un profumo provenire dalla sua cucina”.

SCOPRI LA BIOGRAFIA E LA CARRIERA DI WANDA NARA

La neo opinionista fissa del Grande Fratello Vip 4 ha parlato anche della sua vita manageriale: “Mauro aveva un procuratore di cui si fidava ciecamente e da cui è stato deluso, era un secondo padre per lui. Un giorno, al momento di comprare un appartamento, scopre che i soldi del suo più grande sponsor non erano disponibili perché erano andati al manager: gli aveva fatto firmare un contratto in inglese in cui Mauro cedeva a lui tutti i suoi diritti d’immagine. Mio marito era in crisi, non si fidava più di nessuno, voleva smettere di giocare. Doveva rinnovare il contratto e alcune squadre mi hanno contattato per mediare“.

Per quanto riguarda il passaggio di Mauro Icardi dall’Inter al Paris Saint Germain, Wanda ha affermato: “Alcune decisioni impopolari, alla fine, mi hanno dato ragione. Qual è la mia dote? L’intuizione. Due mesi fa tutta l’Italia diceva che stavo rovinando mio marito, che doveva andare al Napoli o alla Juventus. Ma io sentivo una frase dentro di me, un sesto senso che tutte noi donne abbiamo: ‘Mauro deve andare via’. Se fosse rimasto in una squadra italiana – ha detto la showgirl e manager argentina -, la nostra vita sarebbe stata più facile, ma ho pensato solo al suo bene, non a quello della famiglia”. Mi sento la ragazza con la valigia. Quando è partito per Parigi era un giovedì, abbiamo passato il fine settimana insieme, poi il lunedì mi sono svegliata a Milano e ho realizzato che ero sola con 5 figli. Non è stato facile“.

Redazione-iGossip