Yara Gambirasio Ultime Notizie : Test DNA Su 10 indagati

Finalmente è terminato l’esame autoptico sul piccolo corpo esanime di Yara Gambirasio, la tredicenne di Brembate di Sopra scomparsa il 26 novembre scorso, il cui cadavere è stato appunto ritrovato a 10 chilometri dalla sua abitazione in un campo nella zona di Chignolo d’Isola nel pomeriggio di sabato 26 febbraio.

Yara Gambirasio

Sebbene il cadavere fosse in avanzato stato di decomposizione, l’autopsia è stata svolta correttamente ed ha portato all’esito che la maggior parte delle persone in attesa di conoscere la realtà dei fatti stava aspettanto: la piccola Yara Gambirasio non ha subito violenze sessuali.

Dopo un esame iniziato alle ore 14 del pomeriggio di ieri e terminato solamente dodici ore dopo, arco di tempo nel quale l’equipe guidata dall’anatomopatologa Cristina Cattaneo, ha eseguito tutte le analisi del caso per rilevare eventuali tracce di stupro ma fortunamente così non è stato.

Già i primi accertamenti sullo stato del ritrovamento del corpo avevano evidenziato soltanto una remota possibilità di violenza visto che il cadavere portava ancora indossi gli indumenti intimi che non sembravano forzati in alcun modo.

L’esito dell’autopsia ha rivelato che la bambina è stata vittima di almeno sei coltellate, inflitte sicuramente per bloccare il suo tentativo di fuga. Di queste, ve n’è una alla gola, una al polso e ben quattro alla schiena. Tutto ciò lascia presagire una reazione da parte di Yara Gambirasio e quindi una violenta colluttazione.

Intanto gli investigatori hanno in fermo 10 persone sulle quale si rendono necessari alcuni accertamenti atti a prelevarne il DNA da confrontare con eventuali residui rinvenuti sul cadavere della piccola Yara Gambirasio.

WebWriter