Quantcast

Greasy wave, ciocche fluo e beach wave: le tendenze 2017 guardano al bagnato

Qualche stagione fa era tornata di gran moda la ciocca laterale ferma anzi immobile, un piccolo boccolo ispirato agli anni ’20 e all’audacia del Grande Gatsby. Il concetto di queste ciocche, una sorta di tirabaci, si è evoluto e, nel nostro presente, parliamo di greasy wave, ovvero di un’onda super incollata che si spalma sulla fronte e non si muove più.

articolo-7-immagine-1

Si tratta di una grande tendenza di stagione, vista e rivista nelle ultime passerelle di moda milanesi e parigine e che sembra proprio non abbandonarci per le stagioni future. Ma come si realizza una perfetta greasy wave? Molto semplice, basta arricciare una ciocca con l’apposito ferro e quindi riempirlo letteralmente di gel ad effetto super bagnato. La ciocca così abbondantemente riempita va quindi fissata in un certo punto della fronte con molta lacca. Ma non sarà un po’ troppo? Sicuramente l’effetto è scenografico, adatto alle grandi serate, ma la moda ce lo propone, quindi non possiamo fare a meno di parlarne… La greasy wave, di buono, ha che sta bene sia alle bionde che alle more e dona sia a chi capelli lunghi che corti, in quanto può accompagnarsi a un raccolto più o meno ordinato e a capelli lisci e fluenti.

articolo-7-immagine-2

Veniamo quindi al secondo trend per il 2017, ovvero le ciocche fluo. Pensavate di esservene liberate? Niente affatto! Le ciocche fluorescenti hanno animato le passerelle e vengono riproposte in grande stile anche per questa stagione. Si tratta, prevalentemente, di extension che vengono fissate con clip invisibili e che quindi regalano colore e brio all’insieme. Ma chi può permettersi di portarle? Sicuramente una persona giovane, anzi giovanissima, il quanto l’effetto fluo non è per tutte. Verde acido (colore difficile), verde petrolio, fucsia, azzurro e rosso sono le tinte più gettonate, ma non mancano le incursioni nei colori pastello che si associano in modo migliore alle capigliature chiare. Attenzione, in quanto le ciocche colorate fanno rock, fanno punk e teenager, per cui scegliamo di adottarle solo se abbiamo l’età giusta!

articolo-7-immagine-3

Ecco quindi l’ultimo dei trend per questo inizio 2017, ovvero le tanto declamate beach waves. La traduzione significa “onde da spiaggia”, in quanto si tratta di onde morbidissime e spettinate, fissate ad arte con prodotti di styling a base salina che le texturizzano. Come si creano le beach waves? Il tutto è molto semplice, in quanto basta arricciare con una spazzola rotonda oppure con l’apposito ferro i capelli lunghi, non partendo dalle radici ma dalla mezza lunghezza e lasciando stare le punte. L’arricciatura deve essere morbidissima e mai ‘boccolosa’.

Una volta terminato questo primo step è necessario fissare per un po’ la chioma con delle forcine, per portare le punte ad assumere un risvolto naturale. Passato un po’ di tempo, si deve sciogliere il raccolto, spruzzare un buon prodotto di styling e quindi spettinare i capelli con le mani, preferibilmente a testa in giù. Voilà, le onde marine sono pronte, perfette per le serate e anche per gli appuntamenti diurni.