Quantcast

I migliori cartoni animati anni ’90 da rivedere per un tuffo nel passato

Gli anni ’90 sono stati fantastici tra zaini Invicta, musica dei The Cure, Dr. Martens e cartoni da seguire. Ma quali sono i cartoni animati anni ’90 da rivedere per fare un tuffo nel passato?

Sailor Moon- foto instagram.com

Chi ha vissuto gli anni ’90 ne conserva un ricordo piacevole mentre chi ne ha sentito parlare cerca di riviverli con oggetti vintage, filmati di Bim Bum Bam e cartoni animati.

La fine del vecchio millennio ha regalato tanto ai bambini di quegli anni, specie in tema di cartoni animati. Ogni pomeriggio ci si sedeva davanti a Bim Bum Bam, Solletico e altri programmi dedicati e si seguivano i cartoni giapponesi e d’oltreoceano.

Ma quali cartoni animati anni ’90 rivedere per tornare nel passato? Scopriamo alcuni cartoni che hanno conquistato un’intera generazione.

Holly e Benji

Uno dei cartoni animati anni ’90 che hanno entusiasmato bambini e ragazzi è Holly e Benji, in cui si segue le tappe della realizzazione del sogno di Oliver Atton: vincere i Mondiali con il Giappone.

Jem e le Holograms

Jem e le Holograms ha avuto anche un film (non accolto positivamente), ma il cartone animato ha fatto la storia. Bellissime, glam e luccicanti: Jem e il gruppo delle Holograms avevano il girl power nel sangue.

Sailor moon

Sailor moon ha avuto un successo planetario, dando vita a un merchandising fuori dal comune. Ancora oggi c’è chi collezione lo scettro lunare di Bunny. Le ragazzine degli anni ’90 sono cresciute con la consapevolezza che si può salvare il mondo pur essendo goffe e non troppo studiose.

I Cavalieri dello Zodiaco

Perfetti, leali e valorosi. I Cavalieri dello Zodiaco hanno lottato per la salvezza di lady Isabel (alias Atena) e sconfiggere l’ingiustizia e la corruzione. Tutto indossando le loro armature scintillanti.

Ranma ½

Non tutti conoscono Ranma ½, ma chi ha avuto la fortuna di vederlo non è riuscito più farne a meno: matrimonio combinato, rivalità amorose e noncuranza del genere. Il manga giapponese ha reso dolceamara la maledizione di Ranma Saotome, suo padre e altri protagonisti legata alle Sorgenti Maledette di Jusenkyo.

Tazmania

Taz…Taz…Tazmania.. Il diavoletto della Tanzania ruotava talmente veloce da farci girare la testa, trasportandoci in un luogo esotico in cui mangia qualsiasi cosa gli capiti a tiro e si fa capire anche attraverso ringhi e grugniti.

Piccoli problemi di cuore

Il manga giapponese ha conquistato tutti con la storia di Miki, una ragazza che frequenta il secondo anno di scuola superiore. Tutto procede bene in Piccoli problemi di cuore, fino a quando non viene a conoscenza del divorzio dei suoi genitori. I due decidono di scambiare partner con una coppia incontrata alle Hawaii e, durante una cena di presentazione, Miki incontra l’altra coppia e il loro figlio Yuri. Poco a poco i due si innamorano perdutamente.

Dragon Ball

Il primo Dragon Ball aveva un nonsoché di affascinante con sigla in lingua e una grafica ancora simile al manga. Negli anni ha dato vita a serie animate, film , spin-off e crossover.

Quel bambino con la coda da scimmia, le mosse di arti marziali e la potenza delle sfere del drago hanno subito conquistato tutti i maschietti degli anni ’90 (ma anche molte femminucce).

Ti voglio bene Denver

Dalla sigla ritmata alla storia strampalata, Ti voglio bene Denver è stata la rivincita dei cartoni animati un statunitensi-francesi sui manga giapponesi.

Il cucciolo di dinosauro con la capacità di tele-trasportare chiunque nella preistoria o mostrare sulla sua pelle alcune scene dell’epoca ha conquistato il gruppo di teenager americani e tutti i telespettatori.

Lo spietato Morton Fizzback, intendo a catturare Denver, è diventato uno dei personaggi meno amati dell’epoca.

I Simpson

I Simpson hanno fatto scuola e continuano a riservarci sorprese attraverso dettagli, satira e scene cult. Homer, Marge, Bart, Lisa e Maggie non formano la famiglia ideale, ma riescono a conquistare chiunque.

La combinazione dei personaggi stereotipati è formidabile e dà vita a gang, momenti di riflessione e scene di amore familiare.

Homer è pigro e pasticcione ma anche solidale e coraggioso; Marge è gentile, premurosa e a volte credulona;  Bart è una piccola peste combinaguai; Lisa è intelligente e matura; Maggie è la piccola di casa.

I gemelli nel segno del destino

I gemelli nel segno del destino ci ha fatto viaggiare da Marsiglia fino a Shangai per assistere al compimento della profezia su Marco e Marika, due bambini nati da genitori diversi nello stesso momento. Il loro destino? Sconfiggere l’imperatrice, liberare i loro padri e dare la libertà alla Cina imperialista.

Daria

Daria ci ha fatto scoprire un mondo nerd, cinico e decisamente anticonformista in lotta perenne con la sorella bellissima e invidiata da tutti e i compagni di scuola.

La serie incentrata su Daria, la famiglia Morgerdorffer e la sua migliore amica Jane Lane nasce come spin-off di Beavis and Butt-head, riuscendo l’impossibile: conquistare i telespettatori.

Tartarughe Ninja alla riscossa

Michelangelo, Leonardo, Raffaello e Donatello ci hanno trasportato nel mondo delle Tartarughe Ninja alla riscossa, la prima serie animata dedicata alle tartarughe mutanti golose di pizza e addestrate dal maestro Splinter.

È un po’ magia per Terry e Maggie

È un po’ magia per Terry e Maggie racconta la storia due sorelle gemelle dalle personalità opposte con poteri paranormali. Semplicemente incrociando il dito mignolo possono tele-trasportarsi ovunque e comunicare telepaticamente.

Il mistero della pietra azzurra

Il mistero della pietra azzurra ha conquistato tutti con la sua trama pazzesca e l’avventura della sedicenne acrobata del circo Nadia e un ragazzo francese appassionato di ingegneria di nome Jean. I due partiranno con il sottomarino Nautilus per trovare e proteggere la misteriosa pietra azzurra.