Quantcast

Il principe Harry rivela: “Prendevo droghe e bevevo alcol per non pensare alla morte di mia madre”

Il principe Harry d’Inghilterra ha rilasciato una nuova intervista bomba ad Oprah Winfrey nel nuovo documentario The Me You Can’t See, in onda da oggi su Apple TV. Il 36enne membro della famiglia reale britannica, sesto in linea di successione al trono del Regno Unito e dei reami del Commonwealth, ha parlato del periodo più brutto della sua vita senza censure o freni. L’ex maggiore nel reggimento dell’Household Cavalry dell’esercito britannico ha rivelato che beveva e assumeva droghe per non pensare alla tragica e dolorosa morte della madre, la principessa Diana Spencer, avvenuta il 31 agosto 1997 a causa di un incidente automobilistico sotto il tunnel del Pont de l’Alma a Parigi, insieme con il suo compagno Dodi Al-Fayed.

Alcol, droghe, ansia e attacchi di panico per il principe Harry d’Inghilterra. Dai 28 ai 32 anni il principe inglese ha vissuto il periodo più buio della sua vita dopo la morte della madre Diana.

Il quarto nipote della regina Elisabetta II del Regno Unito e del compianto principe Filippo, duca di Edimburgo, ha rivelato che il venerdì o il sabato sera “bevevo tanto alcol quanto se ne beve in una settimana non perché mi divertissi, ma perché cercavo di nascondere il dolore”.

“Prendevo droghe per sentire meno”, ha aggiunto Harry parlando con Oprah Winfrey nella serie.

Il membro ribelle della famiglia reale britannica a causa dei suoi atteggiamenti poco ortodossi e scandalosi aveva di recente attaccato duramente suo padre Carlo in un’intervista concessa sempre a Oprah Winfrey: “Mi ha deluso perché lui ha affrontato delle cose simili a quelle che ho affrontato io e conosce quella sofferenza. E Archie è suo nipote. Gli vorrò sempre bene, certamente. Ma sono successe troppe cose”. L’ex maggiore nel reggimento dell’Household Cavalry dell’esercito britannico aveva poi asserito: “Mio padre e mio fratello sono in trappola, non hanno davvero una vita. Ho grande compassione per loro per questo motivo”.