Quantcast

Inter, ceduto Santon al Newcastle

L’Inter  ha ceduto Santon al Newcastle per 6 milioni di € più i soliti bonus. E con il giovane difensore italiano, cresciuto nel vivaio dell’Inter e lanciato da Mourinho, se ne va all’estero un altro piccolo gioiello.
L’Inter in controtendenza, rispetto a club che hanno fatto del vivaio la loro fonte di giocatori e di guadagno, il Barcellona ne è l’esempio più concreto, il migliore in assoluto.
Dopo Balotelli che venne ceduto al City, ora un altro italiano che se ne va. Per Balotelli  la cessione poteva anche essere condivisa, visto il difficile carattere del talento ora in forza al City, tant’è che le stesse discutibili prodezze le sta facendo anche alla corte di Mancini.
Per Santon il discorso è completamente diverso. L’Inter vende, o lascia partire giocatori che una volta erano il fiore all’occhiello del club do Moratti. Lo stesso Eto’o ne è un alto esempio, anche se in questo caso sarebbe stato ben difficile per chiunque cercare di trattenere a forza un giocatore al quale fosse stata fatta una simile offerta faraonica.
Altro giocatore inquieto nell’Inter è Wesley Sneijder, verso il quale sembra che sia rinato l’interesse dello United. Del resto, la consapevolezza di non poter rifare una stagione vittoriosa, cosa che del resto è capitata anche l’anno scorso, potrebbe tentare seriamente l’olandese a cambiare maglia e, si sa, quando c’è  la volontà del giocatore, soprattutto se supportata da un robusto assegno, è difficile per qualunque presidente dire di no.
E allora ecco l’Inter orientarsi verso giocatori che già da anni militato in Italia. Palacio del Genova potrebbe essere uno dei rinforzi chiesti da Gasperini che oltre tutto lo conosce avendolo avuto a disposizione nella sua avventura all’ombra della lanterna. Ma l’ultima vera tentazione di Moratti è e resta Zarate. Trattativa decisamente difficile, in quanto Lotito chiede troppi soldi sia per il prestito onerosissimo che per la cessione definitiva.