Quantcast

Ivano Marino di Uomini e Donne accusato di stalking da atleta olimpico

Ivano Marino di Uomini e Donne è stato accusato di stalking da un atleta olimpico, poiché l’avrebbe minacciato di rivelare la sua omosessualità. L’ex corteggiatore del famoso e popolare programma tv pomeridiano di Canale 5, ideato e condotto dalla regina di Mediaset Maria De Filippi, avrebbe tormentato e perseguitato il suo ex compagno per 6 mesi.

Ivano Marino – Foto: Facebook

La notizia shock sull’ex corteggiatore di Laura Lella, che è finito a processo con l’accusa di stalking, è stata diffusa dal quotidiano Il Messaggero. L’identità dell’atleta olimpico non è stata rivelata.

I fatti risalirebbero al 2013 quando l’ex corteggiatore di Uomini e Donne, modello e web influencer non rassegnandosi, probabilmente alla fine della storia d’amore omosessuale segreta con lo sportivo, lo avrebbe ricattato, minacciandolo – attraverso falsi profili creati ad hoc sui social network – di svelare la fine della loro relazione gay e il suo orientamento sessuale ad amici e parenti.

Nel corso di una udienza blindata tenutasi il 4 dicembre presso il tribunale di piazzale Clodio, a Roma, l’atleta sportivo ha rivelato ai giudici: “Mi sono deciso a denunciare perché non ce la facevo più. Inviava messaggi a me, ma anche a conoscenti”.

“Gli accertamenti sulle molestie web erano stati delegati dal pm Francesca Passaniti alla polizia giudiziaria della Procura e agli esperti della Postale – si legge su Il Messaggero – In particolare i messaggini WhatsApp e gli sms potrebbero essere l’asso dell’accusa. ‘Vogliono che tutti sappiano’, minacciava”.

All’udienza ha preso parte anche il vincitore del talent show di Canale 5 Amici di Maria De Filippi e del Festival di Sanremo Marco Carta. Il bello e famoso artista sardo, che ha vinto Tale e Quale Show 2017,  ha confermato la tesi dell’atleta olimpico: “E’ vero, voleva far circolare quella voce”.

L’ex corteggiatore di Uomini e Donne Ivano Marino prenderà la parola nella prossima udienza e dovrà difendersi anche dall’accusa di sostituzione di persona.