Quantcast

Jovanotti presenta il suo nuovo album Oh, vita: “Ha due anime opposte”

Jovanotti ha presentato ieri il suo nuovo album intitolato Oh, vita! durante una conferenza stampa, che è stata trasmessa in streaming sulla Jova Tv. Il 51enne cantautore, rapper e disc jockey romano Lorenzo Cherubini ha parlato del suo quattordicesimo album di inediti che è uscito oggi per Universal Music. Il nuovo disco di Jovanotti è stato anticipato dall’omonimo singolo, che è stato pubblicato il 10 novembre scorso.

Jovanotti – Foto: Facebook

“Sono emozionato – ha esordito Jovanotti -, impaurito. E’ stata una grande avventura che ha avuto un grosso tempo di gestazione. Il disco, poi, è stato fatto in tempi brevi. Si accumula energia, tensione, stress e si libera in una performance. I dischi si costruiscono con i gesti e non con delle architetture. Mi sono ritrovato come trent’anni fa, quando sono arrivato a Milano, avevo la stessa voglia di dimostrare a me stesso e al mondo, di essere all’altezza. Sono felice di averlo fatto – ha sottolineato Lorenzo Cherubini – Non mi aspetto altro di quello che è. Qualcuno rimarrà deluso, sorpreso. Dal punto di vista della passione e dell’impegno, questo disco è indiscutibile. E’ un pezzo di vita di un essere umano”.

Si è poi soffermato sul significato del suo nuovo album. “Il disco ha due anime opposte – ha dichiarato Jovanotti – C’è un’anima da cantautore e una da beatmaker, dj, hip hop. Quel tipo di inquietudine fa parte del mio essere. Mi piace questo disco, di averlo fatto nella mia inclinazione, che mi appartiene. Non c’è il pop elettronico, presenza costante negli ultimi dieci anni. Abbiamo fatto due settimane di prova con la band, siamo intervenuti anche sui vecchi pezzi, getta una luce positiva sul passato, rivissuto in maniera rock’n roll. Più informale. La parola libertà sta al centro del disco. Ogni generazione ha il compito di ridare valore a parole che si sgonfiano – ha precisato Jovanotti -, di dargli vita, di soffiarci dentro allo spirito. E’ stimolante per un artista capire cosa è la vera libertà, dove le forme di dominio sono sempre nascoste, misteriose. Io mi ribello quasi tutti i giorni”.