Quantcast

Keira Knightley “Non voglio che mia figlia reciti”

Keira_Knightley

Keira Knightley bella, ma anche pentita di tutto il successo ottenuto quando era ancora molto giovane, tanto che per sua  figlia non vorrebbe una carriera nel mondo del cinema “Gli anni dell’adolescenza dovrebbero essere vissuti privatamente. Si dovrebbe uscire e ubriacarsi in maniera assurda, ficcarsi in situazioni ridicole, fare degli sbagli. Quel periodo della vita dovrebbe essere dedicato a queste cose e bisognerebbe viverlo in privato” ha spiegato la Knightley “C’è stato un lungo periodo in cui tutti dicevano: “Beh, sei un’attrice di merda, sei anoressica e le persone ti odiano”. Per un’adolescente è molto strano sentirsi dire cose del genere” ha raccontato l’attrice.

Riguardo ad una carriera della figlia nel mondo del cinema ha aggiunto “Le direi di non farlo” ha spiegato “La scoraggerei in ogni modo possibile. Non ci penso mai alla bellezza. Fondamentalmente essere bella è un’arma a doppio taglio: il tuo look ti porta ad ottenere certi ruoli cinematografici, ma abbassa la tua credibilità nei confronti di altri. E’ così che funziona l’industria”.

E la sua di adolescenza? “Ero davvero un maschiaccio… Non ho mai portato un vestitino o una gonna fino all’età di 14 anni. Poi ho cominciato a sperimentare con il trucco non appena mi è stato reso possibile, perché è divertente cambiare il tuo aspetto quando sei adolescente.. Vuoi essere seducente in generale, ma spesso e soprattutto per i ragazzi”.