Quantcast

La canzone circolare di Elio e le storie tese per Legambiente

La canzone circolare di Elio e le storie tese per Legambiente rappresenta l’ultima canzone del leggendario gruppo musicale italiano. “Abbiamo pensato che la nostra ultima canzone poteva essere la prima canzone compostabile della storia della musica leggera italiana – raccontano i membri del gruppo – Abbiamo quindi composto la Canzone Circolare che, a differenza di ‘La musica che gira intorno’ di Ivano Fossati, è un brano compostabile al 100%, nel senso che tutti i musicisti all’ascolto sono cordialmente invitati a prenderne un pezzo e crearne una nuova”.

La canzone è scritta per Legambiente con l’obiettivo di spronare al riciclo e promuovere l’economia circolare in difesa del nostro pianeta.

“La musica può cambiare il mondo e la percezione dei problemi”, ha dichiarato Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente, che alla chitarra ha continuato La canzone circolare insieme a Giorgio Zampetti, direttore dell’associazione, al basso.

Il video è ispirato ad un videogioco degli anni Ottanta, che hanno visto la nascita della band milanese. Allora, la tutela dell’ambiente era vista come un ostacolo al consumismo, ma nasceva il concetto di economia circolare ideato da Walter Stahel: “The end is not the end”.

Il progetto è stato presentato a Milano da EelST insieme al Presidente e al Direttore di Legambiente, Stefano Ciafani e Giorgio Zampetti. Ideato dall’agenzia creativa Kfield-Ideificio, nasce per raccontare plasticamente e attraverso la musica cosa vuol dire l’economia circolare. Il gruppo, al termine della Canzone Circolare, lancia l’appello a tutti i colleghi musicisti – noti e meno noti, professionisti e dilettanti, stonati e intonati – a riprendere le ultime note del brano e crearne uno nuovo.

La canzone circolare di Elio e le storie tese: il video