Quantcast

La forma dell’acqua: Guillermo del Toro fa il pieno di nomination ai Critics’Choise Award

Il nuovo film La forma dell’acqua – The Shape of Water di Guillermo del Toro fa il pieno di nomination ai Critics’Choise Award, dopo aver collezionato il Leone d’oro al Festival di Venezia e il Golden Globe come Miglior Regia.

La forma dell’acqua – The Shape of Water di Guillermo del Toro- foto blog.screenweek.it

Il regista messicano ha conquistato ben 12 nomination, passando avanti al trionfatore dei Golden Tre manifesti a Ebbing, Missouri e all’altro vincitore, la commedia Lady Bird di Greta Gerwig, entrambi con 9 candidature e a L’ora più buia su Winston Churchill.

La storia ambientata durante negli Stati Uniti travolti dalla Guerra Fredda si porta a casa ben 4 statuette: Miglior Film, Miglior Regia, Miglior Scenografia e Miglior Colonna Sonora Originale.

La favola fantasy di Guillermo del Toro racconta la storia d’amore tra una giovane donna delle pulizie muta e un essere acquatico, mostro per il governo americano e dio per il popolo azteco.

È la storia di Elisa, una giovane con un passato difficile e un handicap che le rende difficile relazionarsi con il mondo esterno che si innamora di una creatura misteriosa dal corpo coperto di squame custodita come cavia nel laboratorio governativo in cui lavora come donna delle pulizie.

Lo stesso regista de La forma dell’acqua aveva commentato la forza intrinseca della pellicola: “La fantasia è molto politica ma oggi in cui paura e cinismo vengono usati in modo pervasivo penso che l’unica strada sia credere nell’amore. È difficile parlare di emozioni in questi tempi cinici, ma i Beatles e Gesù non possono essersi sbagliati entrambi”.