Quantcast

La moglie di Nainggolan, Claudia Lai, dichiara: “Le medicine mi logorano”

La moglie di Nainggolan, Claudia Lai, ha rivelato che le medicine la logorano e ha le ossa di una signora di 60 anni. Ha sconfitto il tumore in 2 anni e ora si allena per tornare in forma. Claudia Lai non può però più avere figli a causa delle cure per cercare di sconfiggere il cancro. Ad aiutarla tre alleate speciali: le figlie Aysha e Mailey e la musica, che ha un ruolo preziosissimo nella sua vita.

Claudia Lai – Foto: Instagram

In un’intervista rilasciata al quotidiano sportivo La Gazzetta dello Sport ha dichiarato: “Sì, sto bene. Mi sono di nuovo iscritta in palestra e ho ripreso a fare attività dopo 4 mesi. Per le medicine che prendo devo fare almeno un’ora al giorno, anzi dovrei. Ma non ce la faccio ad essere così costante con le bambine e tutti gli impegni, allora vado tre volte a settimane e faccio due ore. Faccio pugilato e sollevamento pesi, ideale per me, mi aiuta fisicamente e mentalmente e mi lascia a casa tutti i dolori. Lavoro con Alessandra Carta, dell’Accademia pre pugilistica Sardegna e lei sa cosa mi serve”.

La moglie di Nainggolan ha proseguito: “Mi aspettano 10 anni di terapia a casa, le medicine continuano a logorarmi e io fisicamente ho le ossa di una donna di 60 anni. Per evitare che continuino a mangiarmele devo tenerle sotto sforzo e prestare attenzione a tutto, anche alla dieta. Ho abbandonato quella oncologica perché mi aveva fatto dimagrire troppo, ora mangio un po’ di tutto, con attenzione e limiti. No alla carne rossa o ad alimenti che hanno troppi ormoni, sì alla bresaola o ad una coscia di pollo. Ho ripreso abbastanza peso, ovviamente mi concedo anche la pizza o qualcosa che mi va particolarmente”.

Qual è il suo sogno a breve? “Partire – ha detto Claudia -. Sono legata ad una puntura ogni 28 giorni, c’è stata prima la chemio e poi la pandemia, vengo da due anni durissimi. Ecco, non vedo l’ora di fare un bel viaggio: un mare lontano, gli Stati Uniti, una città europea. Voglio prendere un aereo e andare”.