Quantcast

Dopo la pecora Dolly clonate due scimmie: Zhong Zhong e Hua Hua

Dopo la pecora Dolly sono state clonate due scimmie, Zhong Zhong e Hua Hua, dagli scienziati dell’Accademia delle Scienze di Shanghai, in Cina. La notizia è stata divulgata alla prestigiosa rivista Cell.

Le due scimmie clonate: Foto: Ilgiornale.it

A 22 anni dalla nascita della pecora Dolly, gli scienziati cinesi hanno seguito la stessa procedura e tecnica, partendo da una cellula somatica, tipica di ogni area anatomica, dalla quale differiscono quelle germinali (cellule uovo e spermatozoi), esplicitamente legate alla riproduzione.

Nell’esperimento sono stati impiegati fibroplasti fetali, cellule caratteristiche del tessuto connettivo e sono stati introdotti in cellule uovo denuclearizzate, per poi farle crescere in laboratorio, attraverso i tradizionali processi mitotici che consentono a uno zigote di trasformarsi in embrione e dunque in feto. Poi una madre surrogata – esemplare della stessa specie di quella da cui erano state prelevate le cellule somatiche – ha reso possibile la gestazione e la nascita delle scimmie clonate.

Dopo questa importante e significativa clonazione delle scimmie, gli studiosi puntano ad approfondire la possibilità di accendere e spegnere determinati geni, alla base di moltissime malattie, e fornire campioni di studio relativi alla risposta immunitaria delle scimmie clonate per poter progredire nella ricerca medica.

Ma qual è il sogno di molti scienziati? La clonazione umana!