Quantcast

L’aceto di mele nelle ricette per la primavera

Adoriamo l’aceto di mele, perché è un prodotto naturale e dai mille usi. L’aceto di mele è più leggero e meno intenso dell’aceto di vino, è un alimento terapeutico perché contiene un sacco di nutrienti e di sali minerali preziosi comepotassio, sodio, calcio, magnesio, beta-carotene, nonché tante vitamine come le A, B1, B2, B6, C ed E. Ma come possiamo impiegarlo nel nostro rituale di bellezza primaverile?

aceto_mele

L’aceto di mele può essere impiegato per curare la pelle mista e acneica, tamponando la pelle una volta alla settimana con un tonico creato con un quarto di aceto di mele e tre quarti d’acqua. Per il corpo, l’aceto può essere impiegato per fare delle spugnature, sempre diluendo il prodotto con acqua fresca oppure preparando un bel bagno emolliente versando un bicchiere di aceto di mele nell’acqua del bagno.

Ma veniamo ai capelli, in quanto l’aceto di mele è un alleato insostituibile per la loro bellezza. È sufficiente riempire mezza tazza di caffè con aceto mele e acqua e posizionata per una quindicina di minuti sui capelli. L’aceto aiuta a ripristinare l’equilibrio del pH del cuoio capelluto e a combattere la forfora.

Per quanto riguarda il consumo interno, l’aceto di mele depura l’organismo e aiuta anche a dimagrire, in quanto  stimola il metabolismo e al contempo abbassa i livelli di zuccheri nel sangue. Si possono assumere un paio di cucchiaini di prodotto diluiti in un bicchiere d’acqua, da bere dieci minuti prima dei pasti. L’aceto di mele aiuta inoltre ad attivare le difese immunitarie e l’acido acetico contenuto nel sidro o nell’aceto di mele può aiutare a ridurre la pressione sanguigna. Ecco che aggiungere un cucchiaino di aceto di mele nell’insalata aiuta a rendere i cibi più saporiti e anche a migliorare la salute e il benessere durante il periodo primaverile, quando il corpo chiede di disintossicarsi dagli esuberi invernali e di risvegliarsi in modo positivo e naturale.