Quantcast

Lady Gaga critica Patrizia Reggiani: “Non mi fido di lei, non penso che sia una brava persona”

Lady Gaga ha recitato il ruolo della socialite Patrizia Reggiani nel film House of Gucci, che è disponibile da pochi giorni al cinema anche in Italia. In una lunghissima intervista a Variety per il film House Of Gucci (adattamento cinematografico del libro House of Gucci. Una storia vera di moda, avidità, crimine “The House of Gucci: A Sensational Story of Murder, Madness, Glamour, and Greed” scritto da Sara Gay Forden) ha parlato della socialite italiana soprannominata “La Vedova Nera”. Quest’ultima è salita alla ribalta della cronaca nera per essere stata la mandante dell’omicidio dell’imprenditore, presidente della casa di moda Gucci ed ex-marito Maurizio Gucci, per il quale è stata condannata a 26 anni di carcere. Patrizia è tornata in libertà nell’ottobre del 2016, quando fu rilasciata per buona condotta dopo aver scontato 18 anni.

Lady Gaga sul red carpet di House of Gucci
Lady Gaga sul red carpet di House of Gucci – Foto: Facebook

La celebre, influente e ricca cantante e attrice italo-americana Stefani Joanne Angelina Germanotta, in arte Lady Gaga, ha dichiarato: “Quando ero in Italia a girare il film mi chiedevo sempre se lei si sarebbe presentata. Non mi fido di lei, non penso che sia una brava persona. Ma dovevo amarla per interpretarla”.

La famosa e amatissima cantante e attrice americana ha poi svelato: “Sul set ho avuto una psichiatra, perché sentivo che ne avevo bisogno, mi faceva sentire più sicura. Questo perché mi ero realmente calata nei panni di Patrizia Reggiani e vivevo come se fossi lei. Parlavo come se fossi lei, con il suo accento. Ero lei anche quando non parlavamo di cose legate al film ed ogni volta facevo finta che Maurizio (Adam Driver, ndr) mi stesse aspettando in fondo alle scale. Vivevo la mia vita, ma come se fossi lei. Gli attori non dovrebbero spingersi fino a quel limite, io l’ho fatto. Ho fatto dei pezzi d’arte estremi nel corso della mia carriera, mettendo a disposizione dell’arte sia il mio corpo che la mia mente”.