Quantcast

Le lampade abbronzanti, pericolose per la salute


Le lampade abbronzanti sono pericolose per la salute, e il fatto stesso che ormai da un po’ di tempo il Ministero della salute le abbia vietate ai minori, provvedimento preso in ritardo rispetto ad altri Paesi europei, ne è l’ennesima conferma. Il rischio maggiore che si corre facendo un uso troppo frequente delle lampade abbronzanti sono i melanomi, tumori della pelle molto gravi che, se non presi per tempo, possono portare anche alle estreme conseguenze. Questo non vuol dire che un uso occasionale delle lampade sia consigliato, tutt’altro,  perché anche in questo caso il rischio è elevato. Infatti, la concentrazione dei raggi UV nelle lampade è significativamente più elevato rispetto a quanto accade durante una esposizione ai raggi solari, visto che già dopo soli pochi minuti si possono riscontrare gli effetti abbronzanti.

Come si diceva, il melanoma è un problema molto serio, per cui è necessario sempre fare molta attenzione alla propria pelle, per cercare di individuare per tempo eventuali presenze sospette. Ciascuno di noi, fin dalla nascita, ha un ceto numero di nei che, con il passare del tempo, aumenta. Si tratta di una condizione del tutto naturale, fisiologica,  e inoltre va detto, a scanso di equivoci, che ben difficilmente questi nei potrebbero tramutarsi in melanomi.
Questi in genere sono una nuova presenza, e possono comparire in un momento qualunque della vita, ma quasi sempre in seguito ad una esposizione non protetta ed eccessiva ai raggi UV.

Per cercare di limitare al massimo i danni che un melanoma può provocare, è necessario rilevarlo per tempo, per cui è necessario ispezionarsi con una certa frequenza e, per quanto riguarda le parti del corpo difficili da osservare da soli come le schiena e le spalle, è necessario farsi aiutare da qualcuno, un parente, il partner o un amico.
Le nuove presenze che richiedono una visita dallo specialista dermatologo sono per lo più di forma irregolare, tipo carta geografica, di colore non uniforme, in rilievo, delle dimensioni superiori ai 3 mm, e che possono raddoppiare di estensione anche nel giro di qualche giorno.