Quantcast

Le scuse di Federica Panicucci a Francesco Vecchi, Selvaggia Lucarelli: “Facevano schifo”

Le scuse di Federica Panicucci a Francesco Vecchi sono state fortemente criticate da Selvaggia Lucarelli sulla sua pagina Facebook. Dopo averlo pesantemente insultato e offeso dietro le quinte del programma tv Mattino 5, come ha documentato il tg satirico Striscia la notizia, l’ex conduttrice radiofonica ha voluto chiedere scusa a Francesco Vecchi in diretta tv per chiudere subito il caso.

La moglie del noto showman e conduttore tv Paolo Bonolis, Sonia Bruganelli, ha cinguettato: “Barbie over inca**atissima”.

Selvaggia Lucarelli ha invece fatto a pezzi l’acerrima nemica di Barbara D’Urso, Federica Panicucci, poiché le sue scuse pubbliche in diretta tv facevano schifo. Perché?

Ha scritto un lungo post social in cui ha analizzato le parole e il linguaggio non verbale di Federica Panicucci e ha sottolineato: “Intanto Federica apre il discorso col suo solito sorriso a 34651 denti, come a dire ‘Ho combinato una marachella ahi ahi ahi’. Se scuse sono, se pensi di essere in torto, il sorriso ingoialo come il tuo collega s’è ingoiato i testa di ca**o e aspetta che il sorriso nasca da una sua eventuale apertura, al limite”.

Per poi riportare alcune frasi di Federica: “Perdonami Vecchi, perdonami ieri sera è andato in onda un fuori onda in cui ti ho detto qualunque cosa, non ti ho risparmiato nulla, ero molto arrabbiata, tu l’hai capito sì che ero arrabbiata?’. E con la domanda sposta subito l’attenzione su di lui, pretendendo comprensione, cosa a cui Vecchi non può che rispondere Sì (gli ha detto testa di c*zzo, l’ha capito sì). Il sì del collega è la sua prima bandierina sull’assoluzione. ‘Ero nel mio camerino, sono cose professionali, di lavoro, ero così arrabbiata….’. Qui il collega le dice ‘HO SENTITO’, come a dirle ‘sì, arriva al punto’, ma Federica non lo fa parlare, a dimostrazione che il gioco delle scuse lo conduce lei. Specifica che ‘erano cose di lavoro’, ma se tu dici a qualcuno che a settembre starà a casa, non è poi neanche troppo una faccenda di lavoro. Direi che è piuttosto personale. Poi si gira, guarda la camera parlando e contemporaneamente sorridendo come sanno fare solo lei, Berlusconi, la Hunziker e Laura Pausini e fa: “Chiedo scusa anche a casa!”.
E qui viene fuori la sua preoccupazione. La gente a casa. Chiedere scusa al SUO pubblico e rifarsi l’immagine della brava ragazza. Come se poi avesse dato delle teste di cazzo anche a noi, per osmosi […]”.

La blogger, opinionista tv e scrittrice ha poi continuato: “A quel punto il povero Vecchi a cui rodeva visibilmente il c*lo a livelli astrali, chiude con un diplomatico: ‘Sappiamo che questo programma va benissimo, io e te ci teniamo moltissimo, ci siamo chiariti, avremo modo di chiarirci ulteriormente…’. E lei: ‘CASO CHIUSO’? Non ‘grazie’, perché ti sei fatto dare della testa di ca**o e hai incassato la minaccia di dar da mangiare ai piccioni al parco da settembre senza rilasciare mezza dichiarazione spiacevole su di me, no CASO CHIUSO.
E insomma. Queste non sono scuse. Sono il classico metodo dei passivi-aggressivi per ribadire le loro ragioni simulando un atteggiamento remissivo. E se scuse erano, cara Panicucci, dammi retta: facevano schifo. Caso chiuso“.