Quantcast

Lega Nord, Matteo Salvini riesuma Umberto Bossi: il popolo del Carroccio si divide

Lega Nord, Matteo Salvini riesuma Umberto Bossi: il popolo del Carroccio si divide, tra chi critica aspramente questa scelta e chi la condivide. Il Senatur è candidato nella circoscrizione (collegio plurinominale) Lombardia 3 di Como-Lecco-Varese, la stessa circoscrizione in cui fu eletto per la prima volta nel 1987.

Umberto Bossi con il suo fedelissimo, Matteo Salvini – Foto: Facebook

Nella stessa circoscrizione sono candidati senatori l’ex amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani, per Forza Italia e il giornalista varesino Gianluigi Paragone ex direttore del quotidiano La Padania ed ex conduttore de La Gabbia per il Movimento 5 Stelle.

In molti all’interno del Carroccio non hanno apprezzato questo passo indietro del leader Matteo Salvini anche perché la condanna in primo grado per la maxi truffa di Umberto Bossi e Francesco Belsito ai danni del Parlamento pesa come un macigno. In molti si domandano sui social: “Salvini porta avanti la battaglia contro i furbetti, i corruttori, i delinquenti e i ladri, e poi candida proprio Bossi che è stato condannato in primo grado per appropriazione indebita dei fondi del partito?”. Gli scandali, le ruberie e le inchieste nei confronti del Senatur rappresentano una vergogna per molti leghisti doc, che non dimenticano affatto che era proprio il loro ex leader Umberto Bossi a lanciare anatemi e slogan contro “Roma ladrona”.  Il 10 luglio 2017 il tribunale di Milano ha infatti condanna Umberto Bossi a due anni e tre mesi di reclusione per truffa allo Stato per aver, nel periodo tra il 2008 e il 2010, presentato rendiconti irregolari al Parlamento per ottenere indebitamente fondi pubblici. Quel denaro sarebbe stato poi utilizzato in gran parte per le spese personali della famiglia Bossi.

E i social network si scatenano con una serie di sfottò e meme contro la scelta, definita da molti “scellerata” e “vergognosa”, di Salvini.