Quantcast

Ligabue torna in tour dopo lo stop: “Per me è tutto nuovo”

Ligabue torna in tour dopo lo stop di metà marzo a causa di un problema alle corde vocali, un polipo che lo costretto ad operarsi ad aprile. Da oggi riparte il “Made in Italy Tour Palazzetti 2017” dal 105 Stadium di Rimini. L’autore di Made in Italy ha rilasciato un’intervista all’Ansa: “Da trent’anni giusti salgo su un palco a cantare. L’ho sempre fatto in ogni condizione (di salute, tecnica, psicologica, personale) anche quando la performance vocale poteva non essere buona. Per la prima volta mi è capitato di dovermi fermare, quindi per me è tutto nuovo”.

Ligabue – Foto: Facebook

L’artista di G come Giungla, Ligabue sarà protagonista nei palasport di tutta Italia per presentare alcuni brani dell’ultimo album Made in Italy, oltre ai suoi grandi successi. Durante il concerto di Rimini e tutte le successive date del tour, si vedranno in anteprima proprio le prime immagini del film Made in Italy, nelle sale a inizio 2018.

“E’ nuovo risalire su un palco a tenere un concerto dopo quasi sei mesi di stop forzato – ha spiegato Liga -, sono nuove le mie corde vocali (oltre ad asportare il polipo, in questi casi puliscono dalle impurità), è ancora più nuovo mettere nello spettacolo immagini di un film già girato (sull’album che si stava portando in giro nel tour interrotto) nel frattempo. Era nuovo per me realizzare un concept album, è ancora più nuovo averci ricavato un film”.

Da stasera riparte il tour di Luciano Ligabue, che si concluderà il 4 novembre a Cagliari dopo ben 34 date al momento previste che toccano tutte le principali città italiane, da Milano a Roma, Bari, Firenze, Genova, Reggio Emilia, Brescia, Venezia, Treviso, Bolzano, Torino, Mantova, Ancona, Pesaro, Padova, Trieste, Bologna, per chiudere appunto a Cagliari.

Poi pausa natalizia e ad inizio 2018 sarà la volta dell’uscita del film, che porta lo stesso titolo, nelle sale. Si tratta del terzo film di Luciano Ligabue dopo Radiofreccia e Da zero a dieci. Il film è stato prodotto da Domenico Procacci per Fandango e distribuito da Medusa.