Quantcast

Lory Del Santo parla del figlio Loren a Domenica Live: “Aveva personalità multiple”

Lory Del Santo ha parlato del figlio Loren, morto suicida 4 mesi fa, durante l’ultima puntata di Domenica Live di Barbara D’Urso. Dopo aver rivelato a Verissimo di essere in una specie di limbo, la regista di The Lady ha raccontato nello specifico di cosa soffriva suo figlio.

La vincitrice della terza edizione dell’Isola dei famosi ha rivelato: “Loren aveva una malattia. Quello che ha fatto non è dipeso dalla sua volontà. Non era mai scontento, non si lamentava mai di niente. Uno si immagina che una persona depressa sia triste, lui non era così. Non aveva mai desideri non realizzati. Aveva una malattia diabolica. Ho perso ore a pensare a come aveva fatto a non accorgermi di quanto stava accadendo. Non me ne ero accorta io – ha detto la compagna di Marco Cucolo -, non se ne era accorto Devin e non se ne era accorto il suo migliore amico. Ho scoperto che esistono malattie insospettabili. Lui non capiva la differenza tra il bene e il male, non aveva la capacità di capire cosa fosse la morte, ci pensava con indifferenza. Ha avuto un peggioramento e aveva sviluppato una doppia personalità. Scriveva certe piccole cose negli angoli, nel suo telefono aveva registrazioni con voci diverse. Lui diventata un’altra persona, persone diverse comandate da qualcuno che gli diceva cosa fare. Chiedeva ai suoi amici come si fa a scomparire – ha proseguito -, come si fa a tornare a essere una sola persona, invece che due. Subiva come delle ipnosi. Quando tornava Loren non ricordava di essere stato l’altra persona. Attraversava mondi neri senza capire in che modo aveva transitato da una parte all’altra”.

La regista di The Lady ed ex concorrente del GF Vip 3 ha poi sottolineato che il suicidio di Loren ha fatto sprofondare in depressione anche l’altro suo figlio, Devin. “È stato un dolore doppio – ha ammesso l’attrice ed ex showgirl -. Vedevo Devin profondamente distrutto. Siamo stati in 2 a non comprendere quello che poteva accadere. Lui è caduto in una crisi di dolore così profonda che non sapevo come aiutarlo. Loro vivevano in simbiosi e senza Loren, Devin non riusciva a vivere. Diceva che voleva raggiungerlo per dirgli che gli voleva bene. È stato un film horror in un film horror. Devin è svenuto nei giorni seguenti – ha proseguito -, non riusciva più a dormire quindi ha avuto un collasso mentale e fisico. Si sentiva responsabile di Loren e ha vissuto il suo dolore in silenzio. Quando ha saputo della morte del fratello, ha detto a un amico: ‘Spero che mia mamma ce la faccia’. Per fortuna, fino a questo momento, Devin ce l’ha fatta. Non penso a dopo, non spero più in niente”.