Prova lo strobing per illuminare e definire il viso

Chi ha imparato a destreggiare la tecnica del contouring con il gioco di luce ed ombre ora può imparare a correggere le imperfezioni e migliorare i lineamenti con lo strobing, una tecnica che segue un’unica regola: illuminare!

Prova lo strobing per illuminare e definire il viso- foto makeupandbeauty.com

Lo strobing è una tecnica di maquillage costruita su ridefinizione dei volumi del viso ed enfasi delle zone sporgenti attraverso prodotto illuminanti.

Può essere vista come una tecnica che sostituisce l’alternanza di chiaroscuri alla luce e più in particolare con le schiariture di zone precise.

Strobing

Non servono migliaia di prodotti per realizzare lo strobing perfetto. Tutto quello che occorre è una crema idratante, un fondotinta, un mascara e un gloss, i trucchi essenziali di qualsiasi beauty case.

Punti di forza di questa tecnica sono una strobe cream (crema illuminante che viene applicata prima del fondotinta) e un highlighter (prodotto fluido, stick o in polvere che crea i punti luce sul viso).

Come riuscire a valorizzare i punti di forza? Ecco come procedere:

  • Idratare la pelle
  • Stendere la strobe cream
  • Applicare il fondotinta più simile al colore dell’incarnato
  • Esaltare i punti luce sulle zone sporgenti (zigomi, dorso e punta del naso, osso sottostante la sopracciglia, arco di Cupido, mento, angoli interni dell’occhio, arcata superiore delle sopracciglia e centro della fronte)

Il trucco per uno strobing perfetto è quello di illuminare ma senza esagerare. Basta picchiettare con i polpastrelli o una spugnetta la crema iridescente oppure spennellare delicatamente con un pennello sagomato la polvere illuminante.

Mascara e gloss completano un maquillage naturale che esalta la forma del viso e la scolpisce in un fascino decisamente naturale. Utilizzare un trucco troppo pesante o nuance molto vivaci rischia di appesantire lo strobing e ridurre il suo tipico effetto fresco e luminoso.

Si tratta di una tecnica che può essere utilizzata da chiunque, a prescindere da età o carnagione. L’ideale sarebbe metterla in pratica quando la pelle appare grigia e sottotono, la tipica situazione in cui ci si ritrova alla fine del lungo inverno.

È indispensabile però applicare i punti luce con precisione e in determinate zone perché lo strobing potrebbe restituire un effetto di pelle sudata e potrebbe avere un effetto controproducente, magari esaltando i difetti (nasi pronunciati o menti sporgenti).

Quando dire di no allo strobing?

  • Poca manualità (si aumenterebbero i difetti)
  • Pelle grassa (necessita di un trucco opacizzante)
  • Peletti sul viso (si rischia di enfatizzarli)
  • Viso tondo (meglio il contouring)
  • Temperature troppo calde (pelle sarà già lucida per via del sudore)
Myriam