Quantcast

Marco Bocci infuriato “Su di me tutte notizie false”

bocci-emma_jpg_940x0_q85

Dopo la notizia, pubblicata su tutti i giornali e poi smentita dai diretti interessati, di un tradimento da parte di Marco Bocci nei confronti di Emma Marrone, l’attore si rivela molto innervosito e stanco di quanto sta accadendo intorno a lui e alla neo fidanzata. Bocci si è dichiarato stufo dei pettegolezzi e della macchina del fango messa in atto dai giornali nei confronti della coppia e ha espresso tutta la sua rabbia in un comunicato all’Ansa “Mi dà molto fastidio, ma non tanto il gossip e le foto, quanto voler attribuire certi pensieri a certe persone e voler dare una notizia, anche se falsa, a tutti i costi” ha dichiarato Bocci.

Con il comunicato Bocci ha anche voluto smentire le voci di una sua presunta omosessualità, così come era stato insinuato dal sito Social Channel che aveva pubblicato le foto di Marco abbracciato insieme ad un amico e aveva riportato il racconto di una fonte vicina che avrebbe assistito all’incontro fra i due “Marco era a pranzo con degli amici in un bar nei pressi di Piazza del Popolo a Roma. Poteva essere un pranzo di lavoro, perché con loro c’era anche un attore. Non eravamo troppo lontani e abbiamo visto Marco chiacchierare con questo suo amico, che deve essere un carissimo amico perché è stato visto spesso con lui. Finito il pranzo, all’esterno di questo bar, Marco è andato a fare shopping nei pressi di Piazza Risorgimento”

Bocci ha messo a tacere pure la notizia lanciata da Diva e Donne secondo cui ora che è fidanzato con Emma l’attore prenderebbe molto di più per recitare “Adesso Marco Bocci gioca al rialzo: da quando è il fidanzato di Emma, avrebbe alzato (il condizionale è d’obbligo) il cachet. E probabilmente per questo motivo sarebbe sfumato all’ultimo il suo ruolo in Era santo, era uomo, la nuova fiction Rai dedicata a Papa Wojtyla, ispirata al libro che racconta l’amicizia tra il maestro di sci Lino Zani e Giovanni Paolo II. Bocci avrebbe dovuto interpretare il ruolo di Lino ma la produzione (la Dap di De Angelis) alla fine ha optato per Giorgio Pasotti”