Quantcast

“Marco Carta deve essere arrestato”, la procura di Milano presenta ricorso in Cassazione

Marco Carta deve essere arrestato”, la procura della Repubblica di Milano ha presentato ricorso in Cassazione contro la mancata convalida dell’arresto del cantante vincitore di Amici di Maria De Filippi e del Festival di Sanremo.

A firmare il ricorso, depositato alla Suprema Corte, è stato Nicola Rossato, il pm di turno quel giorno. L’artista sardo era stato bloccato dalla Polizia Locale lo scorso 31 maggio mentre usciva con una donna dalla Rinascente per un furto di 6 magliette per un valore complessivo di 1.200 euro.

Dopo una notte ai domiciliari per Marco Carta, il giudice non aveva convalidato l’arresto, perché ad avere la refurtiva era la sua accompagnatrice. Il giudice Caramellino nel suo provvedimento aveva ritenuto che gli «elementi di sospetto sono del tutto eterei, inconsistenti» e che la «versione degli imputati non è allo stato scalfita da alcun elemento probatorio contrario». Inoltre aveva parlato, nel suo provvedimento, di «carenza di gravità indiziaria» per Carta, e di un arresto che «non può ritenersi legittimo». Diversa la posizione della donna, per la quale era stato convalidato l’arresto ma non era stata disposta alcuna misura cautelare.