Quantcast

Maria De Filippi e il suo passato da adolescente ribelle

Maria De Filippi come conduttrice del suo programma di mostra pacata, ferma e serena, ma ha avuto un infanzia ribelle e una vita segnata da tantissime avventure. La bravissima conduttrice di Uomini e Donne si è recentemente confessata in un’intervista parlando del suo privato, dei suoi dolori, dei desideri e della famiglia, a partire dalla sua gioventù spericolata.

“Sì, ne ho combinate davvero tante.” confessa “Se uscivo con gli amici, per smollare i freni inibitori bevevo tantissimo. I miei weekend a Cervinia erano pieni di Negroni, vodka lemon e tequila boom boom.” racconta Maria “Oggi sono astemia. Smisi quando un giorno, al bar delle guide dove andavo ogni sera, ordinai un caffè. Il barista mi chiese se volevo la correzione: erano le 11 di mattina.”

Poi parla del suo rapporto con Maurizio, è credente, ma poichè lui è divorziato non sono considerati dalla chiesa anche se sono sposati “Ma non posso andare in chiesa perché sono sposata con un uomo divorziato. Al matrimonio di mio fratello, dopo avermi confessata, il prete mi negò il permesso di fare la comunione. È una cosa che patisco molto.”

Maria ha anche molte paura “Ho paura di volare, mi prende la tachicardia… In questi anni ho sviluppato paure di ogni tipo: in auto ho il terrore dei ponti, e dei camion.” queste paure sono legate anche all’attentato a cui scampò molti anni fa da parte della mafia “Ho superato quell’esperienza Con un lungo periodo di ipnosi. Avevo paura di tutto. A un certo punto mi feci promettere da Maurizio che non avrebbe mai più parlato dell’argomento.”

Poi parla della sua vita senza Maurizio Costanzo e non riesce ad immaginarla “No. Perché per me sarà veramente un disastro, come quando è morto mio padre… Maurizio è più realista, spesso ne parla, e mi fa diventare matta. Non lo voglio sentire… Si diverte a dire cose come “quando non ci sarò più”, oppure “tu sarai la persona che mi terrà la mano fino all’ultimo momento”. Sarà terribile. Non voglio pensarci”

Di Valentina Vanzini