Quantcast

Massimo Giletti torna in Rai e attacca Floris, Gruber e Formigli: “Io sotto scorta, dai colleghi neanche un messaggio”

Massimo Giletti tornerà in Rai, dopo aver condotto per diversi anni Non è l’Arena su La7. Il famoso e popolare conduttore televisivo si è tolto qualche sassolino dalla scarpa, riservando bordate al vetriolo nei confronti di altri colleghi di La7: Giovanni Floris, Corrado Formigli e Lilli Gruber. Durante la puntata di Cartabianca andata in onda il 15 giugno su Rai3, Giletti si è lasciato andare a uno sfogo piuttosto pesante.

Corrado Formigli, Massimo Giletti e Lilli Gruber – Foto: Ilfattoquotidiano.it

“Sono amareggiato – ha confessato il conduttore tv Massimo Giletti -, perché all’inizio soprattutto mi aspettavo qualche segnale dai colleghi più vicini, almeno un messaggio di quelli banali… da Lilli Gruber, Giovanni Floris o Corrado Formigli“.

Il presentatore tv di Non è l’Arena ha spiegato: “Se non lo sentono, fanno bene a non farlo. Ma è un segnale della solitudine in cui vivi, queste cose qua uno non le dimentica. Faccio i nomi perché me li chiedono continuamente. Perché devo essere ipocrita? Non mi interessa dell’sms che non arriva, ma se non fossi rimasto solo nella battaglia contro la scarcerazione dei mafiosi, non sarei diventato un obiettivo. Se uno non sente di mandare un messaggio, non lo mandi”.

“In pratica da tutta La7”, ha affermato la conduttrice. Giletti ha però sottolineato: “No, Myrta Merlino ed Enrico Mentana mi hanno sostenuto“.

“Ti stai preparando per tornare in Rai?“, ha chiesto Bianca Berlinguer. Massimo non si è esposto più di tanto e ha detto: “Quattro anni sono un ciclo importante, non so cosa farò domani. Sono a fine contratto, ma non è questione di contratto. Ho bisogno di stare sereno e tranquillo, sono stati 2 anni molto duri per me. La Rai? Dico una cosa seria e serena, Cairo mi ha dato una libertà pazzesca in questi anni. Da me c’è una dialettica forte, devi avere un grande editore dietro. Non so se certe battaglie riesci a farle sempre e in ogni posto”.

“La Rai sarebbe contenta? Non andrei di martedì…”, ha concluso Giletti.