Quantcast

Meningite, è allarme in tutta Italia: scoppia la psicosi da vaccino

Continua l’allarme meningite in tutta Italia. I diversi casi conclamati stanno facendo esplodere una vera e propria corsa al vaccino. Gli ultimi casi registrati in Toscana e il primo caso della 17 enne ricoverata in Puglia sotto osservazione hanno spinto una vera e propria fiumana di persone a prendere d’assalto le ASL per chiedere il vaccino.

Vaccino meningite- fonte ultimenotizieflash.com

In Lombardia, tra il gennaio e il novembre 2016 circa 7.122 persone, contro i 1.795 dello stesso periodo dell’anno scorso, hanno acquistato il farmaco per vaccinarsi contro la meningite di ceppo B. Nello stesso periodo è stato stimato anche un aumento dell’acquisto del farmaco che protegge contro il ceppo C. Maria Gramegna, alla guida degli uffici di Prevenzione della Regione, spiega: “È una crescita dettata dalla paura, ma dal punto di vista scientifico incomprensibile: non c’è nessuna epidemia in corso. È importante che si vaccinino soprattutto i bambini e i pazienti con deficit immunitari”.

Qualche giorno fa, il Ministero della Salute ha fatto sapere che non c’è nessun problema di approvvigionamento vaccini e nessuna emergenza sanitaria, ricordando l’importanza di seguire il calendario vaccinale e di consultarsi con il proprio medico in merito all’opportunità e alle tempistiche delle vaccinazioni.

Intanto però cresce l’allarme meningite in tutta Italia. Domenica mattina all’alba è morto un uomo di 65 anni a Messina. Per il primario del reparto di malattie infettive del Policlinico della città siciliana, Giuseppe Nunnari, “Il quadro clinico dell’uomo risultava già fortemente compromesso perché cardiopatico e con un grave edema polmonare, oltre ad avere la meningite”. Il medico ha anche sottolineato come “non debba creare allarme questo caso, da pneumococco e non da meningococco, diverso per appartenenza a ceppi distinti della stessa patologia di quelli che si sono verificati nel resto d’Italia nell’ultimo periodo”.

Alla base della crescente preoccupazione della popolazione vi è la facilità di trasmissione della meningite. La meningite è un tipo di infiammazione che può trasmettersi per via respiratoria, attraverso la saliva o le secrezioni nasali (tosse, starnuti), ma solo se il paziente resta a lungo contatto con l’infetto. Essere esposti alla malattia, comunque, non implica venirne sicuramente contagiati.