Quantcast

Menu di Natale: ricette, idee e consigli

Le festività natalizie si avvicinano e la preparazione di un menu natalizio a prova di bomba deve seguire un’unica regola: niente panico. Ma come preparare il menu di Natale? Cosa portare in tavola?

Pranzo Natale- foto apntraveling.com

Le ricette di Natale spaziano dalla tradizione ai piatti regionali passando dalle preparazioni vegetariane e vegane e dai menu per celiaci, per gli intolleranti al lattosio e per i bambini.

L’organizzazione è la chiave per riuscire a preparare un menu natalizio piacevole, soprattutto se si starà in compagnia. Eppure non si può negare che si tratti di un impegno non indifferente.

Il cenone della Vigilia e il pranzo di Natale devono essere curati nei minimi dettagli, realizzando ricette tipiche e preparazioni originali e facendo attenzione a non ripetere le stesse pietanze.

Menu di Natale: ricette, idee e consigli

Tortelloni con funghi porcini e crema di parmigiano- foto ricette.donnamoderna.com

Il modo migliore per arrivare organizzati e preparati a Natale è non farsi prendere dall’ansia, anche perché qualcosa potrebbe andare storto fino all’ultimo minuto.

Avere le idee chiare e tenere a mente qualche piccolo escamotage culinario potrebbero servire per affrontare le festività natalizie con lo spirito giusto.

Le migliori ricette di Natale da preparare per il cenone della Vigilia e il pranzo di Natale sono quelle della tradizione, quei piatti che profumano di buono e riportano alla mente i ricordi di infanzia.

Ogni Regione offre una tradizione di ricette per il menù di Natale davvero variegata, un must have a cui non si può proprio rinunciare.

Per tutti coloro che temono il confronto con le preparazioni del passato, invece, è meglio provare un menu originale o piatti provenienti da tradizioni di altre Regioni italiane.

Antipasti di Natale

L’antipasto rappresenta la cartina di tornasole di quello che sarà il menu, una portata quasi obbligatoria per le cene natalizie e i menu pranzi di Natale.

Ci si può sbizzarrire con antipasti natalizi gourmet da veri intenditori preparando cracker con un torta salata alla vodka e caviale, un roll di carne con tuorlo d’uovo e preparazioni varie.

Se non si ha avuto modo di organizzare l’antipasto per tempo o se non si è stati molto ispirati l’ideale è portare in tavola salumi e formaggi o preparare tartine e finger food veloci e sfiziosi.

Primi di Natale

Il menu del pranzo di Natale è il culmine dei festeggiamenti natalizi in famiglia, forse anche di più del cenone della Vigilia.

Non c’è pranzo di Natale che si rispetti che non abbia, oltre agli antipasti, due primi e due secondi, spesso legati alla tradizione regionale.

Chiaramente è possibile attenersi alla tradizione con un pizzico di originalità, giusto quel po’ che consenta di non replicare il tutto e per tutto il cenone o il pranzo della nonna.

È possibile spaziare dagli spaghetti o linguine alle vongole alla pasta fresca con ragù classico fino ad arrivare alla pasta fresca all’uovo con mele, pinoli e tartufo o ai tortelloni con funghi porcini e crema di parmigiano.

Non c’è un modo giusto o sbagliato di interpretare la tradizione gastronomica natalizia e portare in tavola un menu a prova di bomba. L’essenziale è fare attenzione alla qualità degli ingredienti, al tipo di menu e alle esigenze degli ospiti.

Secondi di Natale

Per quanto riguarda i secondi è possibile mantenersi sulla falsariga del primo piatto, servendo un secondo di pesce se si è portato in tavola un primo di mare oppure un secondo di carne se si è servito un primo di terra.

Va da sé che saranno privilegiati secondi a base di pesce o guazzetti particolari per la cena della Vigilia e secondi a base di carne per il pranzo di Natale.

Dolci di Natale

Potrebbe mai essere un “dolce Natale” senza dolci? Il cenone e il pranzo di Natale vengono allietati da dolci confezionati come torroni, pandori e panettoni e delizie fatte in casa.

I dolci tradizionali delle varie Regioni, insieme alla nuova attenzione verso le decorazioni e le influenze d’oltreoceano, promettono di imbandire la tavola di una nota golosa irripetibile: pandori arricchiti da una crema al mascarpone, bavaresi con salsa ai frutti rossi, dolci di mandorle, cartellate e tanto altro.

Natale a dieta: come organizzarsi?

Dieta a Natale- foto pinterest.it

Natale rappresenta una vera e propria sfida per chi è a dieta. E, se è davvero difficile non prendere peso durante le feste, si può evitare di sminuire tutti i risultati raggiunti attuando la giusta strategia.

Come organizzarsi a Natale se si è a dieta? È sufficiente mangiare un po’ di tutto ed evitare di esagerare con salse, condimenti e dolciumi.