Quantcast

Michael J. Fox torna sul palco


Michael  J. Fox
torna sul palco a distanza di 26 anni dalla sua  memorabile interpretazione in Ritorno al futuro, con la sua chitarra rossa, scatenato come al solito a suonare e cantare Johnny B. Goode.  E torna, ancora una volta, sempre con la stessa chitarra per cantare nuovamente ciò che fu una delle tante indimenticabili sequenze del film, per raccogliere fondi per la sua fondazione per la battaglia contro il Parkinson. Lui, che ancora giovane, ha dovuto fare l’incontro più brutto della sua vita, lui personaggio pieno di vitalità e di voglia di vivere, che da tanti anni combatte contro questa malattia progressiva .
Ricorderemo sempre tutti quel  film, il primo della famosa saga, il più bello in assoluto dei tre, nel quale Muchael J. Fox faceva il suo incontro con la macchina del tempo  di Doc.

La serata newyorchese denominata A Funny Thing Happened On The Way Tu Cure Parkinson’s  nella quale si è esibito, era una serata di beneficenza, per raccogliere fondi  da destinare alla lotta contro il Parkinson, malattia che ancora oggi non offre grandi speranze, nonostante gli innegabili progressi, anche in termini di aspettativa di vita, che la ricerca ha fatto in tutti questi anni.
Le staminali, l’ultima frontiera e al tempo stesso la nuova speranza,  hanno ancora bisogno di ricerca per poter essere utilizzate nella cura della malattia.

Il momento più importante della serata è stata l’esibizione di Michael J. Fox, con la sola fondamentale differenza che, mentre nel fil lui faceva solo finta di suonare, questa volta lo ha fatto veramente, essendosi impegnato in questi anni nello studio della chitarra. E non è poco, visto che Michael, che sarà sempre ricordato da tutti nelle vesti di quel Marty McFly che in compagnia di Doc  Emmett Brown, interpretato da Christopher Lloyd,  passava da un’epoca all’altra grazie alla mitica DeLorean, combatte da tempo contro la malattia.