Quantcast

Migranti irregolari, Kurz propone asse Austria-Germania-Italia

Migranti irregolari, il cancelliere e leader del Partito Popolare Austriaco Sebastian Kurz ha proposto un asse Austria-Germania-Italia per far fronte all’emergenza immigrazione illegale. La Grosse Koalition si è spaccata in Germania.

Sebastian Kurz – Foto: Facebook

“I ministri dell’Interno di Germania, Austria e Italia hanno formato un asse comune contro l’immigrazione illegale – ha affermato il cancelliere austriaco – Sono contento della buona cooperazione che vogliamo costruire fra Roma, Vienna e Berlino. Penso che si tratti di una cooperazione molto saggia che contribuirà a ridurre l’immigrazione illegale verso l’Europa“, ha proseguito il cancelliere, il cui Paese assumerà dal 1° luglio la presidenza di turno dell’Unione europea.

Dopo il caso dell’Aquarius nasce un nuovo patto per l’Europa con tre Paesi che provano a riscrivere le regole per una nuova gestione di una gravissima e grande emergenza che da troppi anni ormai pesa solo sulle spalle dell’Italia. Anche i tedeschi l’hanno compreso. La cancelliera Angela Merkel ha invocato una soluzione europea comune, ma il ministro tedesco degli Esteri ha definito l’Italia un pilastro dell’Unione europea, che pone un problema meritevole di attenzione e una risposta europea. “L’Italia per la sua posizione geografica è particolarmente esposta a un numero grande di profughi e di migranti. Noi siamo dell’idea che nessun Paese dovrebbe esser lasciato solo con questo compito. Per questo sosteniamo l’Italia, e la riteniamo un importante partner nella ricerca di una soluzione europea”, ha detto il portavoce di Angela Merkel, Steffen Seibert.

Dopo essere stata abbandonata per troppi anni dall’Unione europea, ora con il Governo M5S-Lega l’emergenza immigrazione irregolare è cambiata radicalmente e positivamente.