Capelli crespi e arruffati? Ecco come domarli in poche mosse

L’effetto crespo è un problema che perseguita le donne sia con i capelli ricchi che con i capelli sottili. I capelli crespi sono secchi, fragili e ruvidi al tatto. Ma come si può sfuggire a questo problema? Per prima cosa bisogna capire la causa dell’effetto crespo per poi passare a trattamenti e piccoli accorgimenti per far tornare i capelli morbidi e definiti.

Addio capelli crespi- foto blog.pianetadonna.it

Cause effetto crespo

La principale causa dell’effetto crespo va cercata nell’umidità. In sostanza se i capelli perdono umidità durante la giornata la cuticola ovvero lo strato superiore del capello si apre e lascia entrare l’aria e, una volta asciugati, rende la chioma indomabile. Esistono però dei fattori che sciupano i capelli a tal punto da conferirgli quell’effetto sciatto e rovinato tipico dei capelli crespi:

  • trattamenti aggressivi – Le colorazioni e le permanenti danneggiano la struttura complessa del capello, indebolendolo seriamente.
  • asciugacapelli e piastre – Il phon, l’arricciacapelli e le piastre funzionano a una temperatura troppo elevata, finendo per stressare i capelli.
  • equilibrio psico-fisico – La salute dei capelli può essere compromessa da talune carenze alimentari o da stress emotivi.

Come gestire i capelli crespi

La parola d’ordine è idratazione. Qualsiasi sia la causa dell’effetto crespo, è necessario ripristinare la giusta idratazione dei capelli, magari con prodotti  non aggressivi. Vediamo insieme come:

  1. Shampoo – Bisogna optare per uno shampoo che idrati il capello internamente e crei un rivestimento protettivo a livello del fusto tale da evitare la rottura, come uno shampoo alla glicerina insomma.
  2. Balsamo – Il balsamo è necessario per preservare il capello dall’umidità esterna. In questo senso sarebbe meglio restare su ingredienti idratanti come la glicerina o il burro di karité. Ma attenzione a non applicarlo alle radici!
  3. Maschera idratante – È indispensabile procedere almeno una volta alla settimana al trattamento con la maschera idratante per riempire le piccole rotture del fusto del capello responsabili dell’effetto crespo.
  4. Piega – In questi casi è consigliabile procedere alla piega con i capelli quasi asciutti ma ancora leggermente umidi per evitare che l’aria troppo calda del phon possa disidratare i capelli, rendendoli secchi. Ma attenzione a verificare che i capelli siano completamente asciutti prima di uscire, perché altrimenti potrebbero continuare ad assorbire l’umidità presente nell’aria e diventerabbero gonfi e crespi.
  5. Olio secco – Mentre i capelli sono ancora bagnati è preferibile applicare un olio secco da metà lunghezza fino alle punte per proteggere i capelli.
  6. Spazzola – Spazzolare i capelli regolarmente permette agli oli naturali dei capelli di distribuirsi in modo omogeneo, mantenendo la chioma idratata e proteggendo i capelli dall’umidità.
  7. Siero – Un siero a spruzzo può salvare i capelli da un disastro improvviso come un temporale!

E dopo la piega? Diciamo che avvolgendo i capelli in un foulard o un fazzoletto è possibile mantenere l’umidità dei capelli, preservando così tutto il lavoro fatto.