Quantcast

Morrissey minacciato da un poliziotto a Roma: la secca smentita della Polizia di Stato

Morrissey ha rivelato ai tabloid inglesi di essere stato minacciato e terrorizzato da un poliziotto nel centro di Roma. Uno dei più importanti precursori e innovatori della musica indie e britpop era con suo nipote nonché fotografo Sam Esty Rayner nella Capitale. Il fotografo su Facebook ha pubblicato la foto del poliziotto e ha scritto: “Gli ha chiesto i documenti, ma Morrissey non li aveva. A quel punto il poliziotto ha urlato: So chi sei. Si è messo a urlare tanto che centinaia di persone si sono fermate a guardare. Per tutto il tempo il poliziotto ha tenuto in mano la pistola. Dopo 35 minuti Morrissey si è allontanato”. La smentita della Polizia di Stato non si è fatta attendere e in una nota diffusa alla stampa ha raccontato un’altra versione dei fatti.

Morrissey – Foto: Facebook

La Questura ha infatti rivelato che Morrissey si sarebbe immesso a tutta velocità da via della Frezza contromano su via del Corso, affollatissima per lo shopping dei saldi e per questo sarebbe stato immediatamente fermato dagli agenti in motocicletta della polizia di Stato, le Nibbio del reparto volanti, di pattuglia nel centro storico per gli ormai consueti pattugliamenti antiterrorismo.

Gli agenti hanno bloccato e identificato le due persone a bordo dell’auto. “Dopo le prime verifiche, i poliziotti hanno elevato all’autista, il quale ha ammesso le proprie responsabilità, il verbale – si legge nella nota – L’altra persona invece ha mantenuto sin da subito un atteggiamento ostativo: cittadino inglese, ha insistito nel dire di non avere l’obbligo di declinare le proprie generalità né di dover esibire i documenti in quanto non aveva commesso alcun reato, stupito dal fatto di non essere stato peraltro riconosciuto. Dopo varie insistenze gli agenti, che parlavano inglese, hanno consentito per ben due volte all’uomo di effettuare telefonate in albergo e, facendosi passare l’interlocutore, hanno appreso che si trattava del noto cantautore britannico”.

“Durante il controllo l’artista, infastidito, si è messo a scattare delle foto al poliziotto minacciando: Lei diverrà famoso”.

Morrissey è su tutte le furie e alla rivista Rolling Stone ha dichiarato di aver cancellato i sette concerti che stava organizzando proprio in Italia: “La ragione è ovvia: con psicopatici del genere a piede libero non mi sento sicuro in Italia”.

Il cantautore britannico è finito nel mirino del popolo della Rete. In particolar modo su Twitter sono davvero tanti gli sfottò, i meme e i messaggi ironici, sarcastici e al vetriolo nei confronti di Morrissey.