Andiamo a comandare di Fabio Rovazzi: testo e video

È un vero e proprio record nel mondo discografico italiano: Fabio Rovazzi, con una canzone rilasciata solo in streaming, è riuscito a vincere il disco di platino.

rovazzi-andiamo-a-comandare

Lanciata in sordina a metà febbraio, il primo brano della webstar sta diventando un successo virale. Le visualizzazioni su Youtube sono già più di 49 milioni, le condivisioni ed i like sui social non si contano.

Rovazzi, classe 1994, è stato definito “un piccolo mago del video/fotomontaggio”. Il successo è arrivato grazie al web, dove Fabio posta video, parodie, scherzi e consigli. Finché Fedez non si è accorto di lui, e ora gli fa anche da produttore.

Rovazzi, Andiamo a comandare: il testo

Ho un problema nella testa funziona a metà
ogni tanto parte un suono che fa
e ogni volta che mi parte situo imbarazzante
come quella volta che stavo al ristorante

“Posso offrirti da bere?”
lei dice: “Va bene”
solo che quando le passo il bicchiere
è una malattia
è pericolosa
statemi lontano, è contagiosa

Non so se son pazzo
o sono un genio
faccio i selfie mossi
alla Guè Pequeno
non mi fumo canne
sono anche astemio
io non faccio brutto ma

Col trattore in tangenziale
andiamo a comandare
scatto foto col mio cane
andiamo a comandare
in ciabatte nel locale
andiamo a comandare
spaccio acqua minerale
andiamo a comandare

Ho un problema nella testa, funziona a metà
ogni tanto parte un suono che fa
e ho la testa che gira come il kebab
spengo la musica dentro il tuo club
(J-Ax: Rovazzi, ma che cazzo fai?)

Non so se son pazzo
o sono un genio
faccio i selfie mossi
alla Guè Pequeno
non mi fumo canne
sono anche astemio
io non faccio brutto ma

Col trattore in tangenziale
andiamo a comandare
scatto foto col mio cane
andiamo a comandare
in ciabatte nel locale
andiamo a comandare
spaccio acqua minerale
andiamo a comandare

Rovazzi, Andiamo a comandare: il video

ValeriaM

Laureata in Filologia Classica, da sempre appassionata di scrittura e copywriting. Classe 1989, ama leggere, andare al cinema e a teatro, allevare cani e gatti e mangiare i biscotti di Bellagio.