Quantcast

Nadia Toffa mette in guardia i fan dalle cure alternative contro il cancro

Nadia Toffa ha messo in guardia i fan dalle cure alternative contro il cancro. Su Twitter si è scagliata contro impostori e mascalzoni, dopo un servizio trasmesso dal programma tv di Italia 1 Le Iene su una discutibile e sedicente guaritrice che sostiene di aver curato i malati di tumore con la sola imposizione delle mani.

Nadia Toffa – Foto: Instagram

La conduttrice tv e inviata delle Iene ha rivolto un appello ai suoi follower tramite Twitter contro questi malfattori. Nadia Toffa ha ribadito sui social di affidarsi solamente alle terapie tradizionali contro in cancro.

“La chemio non so se mi guarirà – ha cinguettato la presentatrice tv -, ma di certo non mi ucciderà. State lontani da questi mascalzoni. Pericolosissimi”. La sua difficile battaglia contro il cancro prosegue senza soste.

Ha dovuto lottare per ben due volte contro il cancro, con altrettante operazioni e lunghe sedute di chemioterapia. La prima volta le venne diagnosticato a dicembre 2017, in seguito a un malore improvviso che l’aveva costretta a un ricovero d’urgenza. Poi, nel marzo 2018, i medici hanno segnalato una recidiva, che l’ha costretta a ricominciare da capo. Ora si sottopone regolarmente a cure e controlli.

“La gente mi crede Wonder Woman – ha detto la presentatrice tv in una recente intervista al settimanale Oggi -, ma non sono d’acciaio. Ho paura di morire, come tutti”. La conduttrice delle Iene ha sottolineato: “Quando ho saputo che il tumore era ancora lì, bello accanito, mi sono sentita persa… annaspavo nel buio. Io non voglio far pena a nessuno. Un malato è già triste di suo, ha bisogno di avere intorno gente allegra, col sorriso. Lo dico sempre ai miei amici”. Poi è tornata sull’argomento cancro-dono, che ha suscitato tante polemiche e critiche nelle ultime settimane. “Intendevo dire che qualsiasi difficoltà nella vita può essere trasformata in un’occasione – ha evidenziato Nadia -. Il Signore non è cattivo. So che quello che mi ha dato è commisurato a me, alla mia forza. Chi l’ha capito mi ha scritto cose bellissime”.