Quantcast

Napoli, parcheggio prenotato via sms

A Napoli, è possibile prenotare il parcheggio, abusivo ovviamente, via sms.  Non si tratta di una pratica comune, sia chiaro, ma di un astuto espediente  adottato da un giovane parcheggiatore abusivo napoletano, un mestiere che nella città del Vesuvio è molto diffuso, vista la scarsità di un lavoro normale e vista la necessità di sbarcare il lunario in un modo o nell’altro. E allora ci si arrangia con questo mestiere, preferito ovviamente al furto, al borseggio o a tanti altri espedienti che configurano un reato contro la persona.
Praticamente, un 20enne di Salita Vetriera era riuscito a crearsi un giro di clienti che sono soliti trascorre il sabato sera nella zona Chiaia, una delle zone bene di Napoli,  i quali avvisavano il parcheggiatore, personale si potrebbe dire, via sms del loro arrivo e lui provvedeva a riservare loro un posto occupando gli spazi con ciò che aveva a disposizione.

Ma la non è durata a lungo, visto che non è passata inosservata ad una pattuglia dei Carabinieri della compagnia Centro, in servizio nella zona di Chiaia, che hanno denunciato il giovane in stato di libertà, perché responsabile di  occupazione di area destinata al pubblico utilizzo. Infatti, il giovane è stato letteralmente pizzicato nell’atto di occupare fisicamente degli stalli  di parcheggio pubblico, dopo aver ricevuto dei messaggi da parte dei suoi clienti.

Le tariffe si aggiravano intorno aio 10€, tariffa più che conveniente, soprattutto il sabato sera, visto che evitava ai clienti dell’ingegnoso parcheggiatore di girare a lungo e, spesso , a vuoto alla ricerca di un posto dove sistema l’auto.
Quindi, un parcheggio prenotato a tutti gli effetti, con il solo grave difetto di essere di fatto assolutamente irregolare e, quindi, abusivo.
Al di là della tariffa speciale riferita solo al caso specifico, il mestiere di parcheggiatore abusivo consente a  decine di persone di sopravvivere, spesso costretti a passare lunghe ore al freddo e sotto l’acqua.