Quantcast

Nato, aumentata la spesa per la difesa: esulta Donald Trump

Nato, aumentata la spesa per la difesa: esulta il presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump, che aveva in precedenza minacciato l’uscita. “Credo nella Nato – ha dichiarato entusiasta il tycoon – Tutti gli Stati membri hanno concordato di aumentare le spese per la difesa a livelli mai visti prima”.

Donald Trump – Foto: Facebook

Il presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha poi aggiunto: “La Nato è molto più forte di ieri. Ai Paesi avevo fatto sapere che ero estremamente scontento. I membri Nato si sono dimostrati tutti d’accordo ad aumentare il loro contributo. Ci sarà un aumento quantificabile in 33 miliardi di dollari in più, con il contributo dei vari paesi senza tener conto degli Stati Uniti”.

Il presidente Trump ha poi proseguito: “Ho detto agli alleati che non ero contento delle spese della difesa, gli Usa pagano il 90% e non è giusto, ma oggi abbiamo una Nato più forte di due giorni fa, perché tutti si sono impegnati ad aumentare le spese della difesa”.

Dopo aver attaccato duramente la Germania il tycoon riconosce a Berlino di aver “aumentato molto sostanzialmente la sua quota. Ho grande rispetto per la Germania, mio padre era tedesco”. Indirettamente la cancelliera Angela Merkel ha confermato: “Noi siamo già su questa strada, tutti riconoscono la Nato e sono pronti al contributo”. Anche il governo britannico è sempre stato d’accordo con la necessità di un incremento delle quote della spesa per la Difesa da parte dei Paesi europei della Nato.

Di diverso tenore il commento del presedente francese Emmanuel Macron secondo il quale Trump “non ha mai minacciato in nessun momento l’uscita dalla Nato, né in pubblico né in privato”.